Fondazione

Promuovere iniziative di alto valore sociale e fornire assistenza a persone, famiglie, comunità, popolazioni colpite da sciagure individuali o calamità collettive, nonché mettere a disposizione della collettività strumenti, apparecchiature, opere per alleviare sofferenze o migliorare le condizioni di vita dei singoli. Nella sua lunga storia «Specchio dei tempi» è stato il veicolo scelto spontaneamente ogni anno da molte decine di migliaia di lettori per attuare concretamente la solidarietà.

L'elenco delle sottoscrizioni sarebbe troppo lungo, ci limitiamo a ricordare quelle in occasione dell'uccisione degli aviatori italiani trucidati nel Congo, del crollo nel bacino del Vajont, della carestia in India, del terremoto in Friuli, del terremoto in Irpinia (a Lioni, è tuttora in funzione il «Villaggio Specchio dei tempi»), dei bambini profughi dall'Albania, dell'alluvione in Piemonte del '94 (rimane ancora oggi la più alta raccolta in una sottoscrizione non televisiva), dell'incendio nel Duomo di Torino, del terremoto in Umbria, dell'esodo dal Kosovo, dell'alluvione 2000 in Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria e Lombardia.

Sino ai più recenti interventi in India, Thailandia e Sri Lanka dopo lo tsunami (2005) e in Abruzzo dopo il terremoto (2009).

Decine di interventi sono poi stati rivolti ad associazioni che si occupano della ricerca e della cura per gravi malattie e dell'assistenza ai malati. Decine di apparecchiature mediche sono state donate ad ospedali, in Italia ed all'estero.

Negli ultimi anni, dopo il terremoto del Molise del 2001, «Specchio dei Tempi» è intervenuto ricostruendo la scuola materna e la mensa scolastica di Bonefro nonchè la scuola media di Santa Croce di Magliano. Dopo lo tsunami in Asia ha ricostruito nove fra scuole, orfanotrofi, case famiglia, ospedali in India, Thailandia e Sri Lanka. Dopo il terremoto dell'Abruzzo sono state realizzate (o sono in via di realizzazione) 11 strutture: il poliambulatorio presso l'Ospedale San Salvatore de L'Aquila, due asili, tre scuole elementari, due scuole medie e tre mense scolastiche (con refettori) a Barisciano, Poggio Picenze e Cugnoli.

Da 35 anni viene offerto un assegno natalizio per gli anziani soli e bisognosi (Tredicesima dell'Amicizia).
Dal 1976 si raccolgono offerte per la ricerca sul cancro (a tutt'oggi, in lire attuali, circa 28 miliardi).

La Fondazione è socia, sin dalla sua costituzione, dell'Ircc, che ha costruito a Candiolo uno dei più avanzati centri per la ricerca e la cura del cancro.

le lettere di specchio

© Copyright 2016 Fondazione La Stampa - Specchio dei tempi O.N.L.U.S. - CF 97507260012