Le donazioni delle aziende per l'emergenza Coronavirus

Torino e il Piemonte hanno un cuore. Che batte più forte quando c'è da affrontare una battaglia. Specchio dei tempi lo sa da sempre, ma trovare costante conferma di questo slancio diventa stimolo anche per chi, questo cuore, deve trasformarlo in fatti, e in cose concrete. Così le decine di aiuti che stiamo ricevendo dalle aziende piemontesi rappresentano una grande responsabilità per la fondazione e una risorsa preziosa per il territorio. Dalle donazioni milionarie di Lavazza e delle società della Famiglia Agnelli (Exor, Fca, Juventus), ai contributi di storici brand come Reale MutuaReale Group, Gruppo Cassa di Risparmio di AstiAutocentauroGruppo DiViestoXerjoffMottura: ogni euro affidato alla fondazione La Stampa - Specchio dei tempi si trasforma in interventi immediati a favore dei sanitari o delle fasce più deboli della popolazione.

Specchio ha già distribuito più di 1.2 milioni di dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti, camici, tute, occhiali) e ha acquistato 150 macchinari per gli ospedali piemontesi. Sta portando la spesa a migliaia di anziani e famiglie in difficoltà in tutta Italia. Ha sviluppato un ampio programma di supporto alle scuole, donando kit igienizzanti insieme a Reale Foundation e sostenendo la didattica digitale insieme a La Stampa e Fondazione Agnelli. Ma la fondazione sta anche favorendo la ripresa delle piccole imprese torinesi e cuneesi, con due bandi che offrono centinaia di sussidi a chi è stato travolto dalla crisi.

Sono decine gli imprenditori che sin dall'inizio dell'emergenza offrono i loro prodotti a titolo gratuito: dalla frutta di  Battaglio al  pet food di Morando, passando per gli auricolari di  Celly, il cioccolato di  Peyrano, il riso de Il Buon Riso e i grissini Derby. I migliori ristoratori torinesi hanno inoltre aderito all'iniziativa della  pizzeria Bricks e ogni sera cucinano gratis per medici e infermieri, invitando le persone a donare una simbolica " Pizza Sospesa" ai sanitari, facendo un'offerta a Specchio.
Per le erogazioni liberali in denaro e in natura a sostegno delle misure di contrasto all’emergenza epidemiologica da COVID-19, effettuate nell’anno 2020 dai soggetti titolari di reddito d’impresa:
  1. si applica l’articolo 27 della legge 13 maggio 1999, n. 133 e cioè  le erogazioni liberali in denaro effettuate in favore delle popolazioni colpite da eventi di calamita' pubblica o da altri eventi straordinari anche se avvenuti in altri Stati, per il tramite di fondazioni, di associazioni, di comitati e di enti sono deducibili dal reddito d'impresa integralmente e non sono soggetti all'imposta sulle donazioni.
  2. Ai fini dell'IRAP , le erogazioni liberali di cui al periodo precedente sono deducibili nell'esercizio in cui sono effettuate .
In sintesi:
  • •  donazioni di privati: detrazione del 30% fino a 30.000 euro
  • • donazioni di imprese: deducibili integralmente dal reddito d'impresa senza limiti + deducibili dall'IRAP già quest'anno.

Le aziende che hanno già deciso di sostenerci:

LE ULTIME OFFERTE RICEVUTE ONLINE

lunedì 10 agosto 2020
Tredicesime dell\'amicizia - Fondo 500
€. 500 | Da: Anonimo
In memoria di Cesare Pia. Gli amici del figlio Fabrizio.

giovedì 6 agosto 2020
Altri progetti - Fondo Solidarietà 499
€. 10 | Da: Valter Casa
\"Per Simone\"

mercoledì 5 agosto 2020
Per il Regina Margherita e per i bimbi di Torino - Fondo 586
€. 150 | Da: Talalau Ionela
Donazione per bambini malati di cancro

lunedì 3 agosto 2020
Altri progetti - Fondo Solidarietà 499
€. 120 | Da: Anonimo
Tanti insieme, ce la possiamo fare

Commenta con il profilo Facebook

Commenti

© Copyright 2020 Fondazione La Stampa - Specchio dei tempi O.N.L.U.S. - CF 97507260012