Specchio Point Pinerolo, apre domani in piazza Duomo

Articolo di Angelo Conti

Specchio Point raddoppia. S’inaugura domani a Pinerolo, alle 10, nella centrale piazza San Donato 2 (area Duomo), lo Specchio Point 2 realizzato in collaborazione con Acea e con il Rotary Club Pinerolo. L’ufficio, fronte strada, sotto i portici, sarà aperto tutti i mercoledì dalle 9 alle 13. Farà da punto di riferimento per le famiglie del Pinerolese in difficoltà (quindi non solo il capoluogo ma anche tutti i comuni della zona) per interventi di emergenza, in primis pagamenti di affitti e utenze. Qui sarà anche possibile effettuare versamenti a favore di tutti i progetti della fondazione. L’iniziativa è sostenuta dal contributo economico di Acea e dall’intervento di Specchio dei tempi, che si è assunto l’onere dei locali ed ha messo a disposizione il know-how. L’intervento del Rotary Club Pinerolo sarà invece concretizzato attraverso la presenza di una ventina di volontari che ruoteranno nella gestione dell’ufficio.


(Il video dello Specchio Point di Torino e l’articolo dell’inaugurazione)

Info: specchiotempi@lastampa.it; tel. 0116568376.

Specchio Point Pinerolo apre domani in piazza Duomo

Articolo di Angelo Conti

Specchio Point raddoppia. S’inaugura domani a Pinerolo, alle 10, nella centrale piazza San Donato 2 (area Duomo), lo Specchio Point 2 realizzato in collaborazione con Acea e con il Rotary Club Pinerolo. L’ufficio, fronte strada, sotto i portici, sarà aperto tutti i mercoledì dalle 9 alle 13. Farà da punto di riferimento per le famiglie del Pinerolese in difficoltà (quindi non solo il capoluogo ma anche tutti i comuni della zona) per interventi di emergenza, in primis pagamenti di affitti e utenze. Qui sarà anche possibile effettuare versamenti a favore di tutti i progetti della fondazione. L’iniziativa è sostenuta dal contributo economico di Acea e dall’intervento di Specchio dei tempi, che si è assunto l’onere dei locali ed ha messo a disposizione il know-how. L’intervento del Rotary Club Pinerolo sarà invece concretizzato attraverso la presenza di una ventina di volontari che ruoteranno nella gestione dell’ufficio.

Info: specchiotempi@lastampa.it; tel. 0116568376.

Imbrattato lo specchio point, continuiamo ad aiutare lo stesso

Articolo di Angelo Conti

Qualche simpatico amico ha deciso la scorsa notte di imbrattare targhe e muri dello Specchio Point di via Santa Maria 6H. Sulla targa della fondazione la scritta ODIO. Avvertiti i carabinieri e presentata denuncia, ora cercheremo di ripulire tutto. Ma intanto anche stamattina allo Specchio Point abbiamo ricevuto 12 famiglie indigenti, per cercare di dare loro una mano. Amore contro odio. A vincere saremo sempre noi.

Specchio Point aperto il sabato mattina per raccogliere donazioni

Articolo di Angelo Conti

Lo Specchio Point di via Santa Maria 6, a due passi da piazza Solferino, da via Cernaia e da via Garibaldi, resterà aperto tutte le mattine dal lunedì al sabato, dalle 9 alle 13, anche per accogliere i versamenti a favore delle Tredicesime dell’Amicizia di Specchio dei tempi. In particolare la mattina del sabato sarà esclusivamente riservata alle donazioni. In via santa Maria gli operatori di Specchio saranno a disposizione di tutti per aggiornamenti sui progetti che la fondazione sostiene a Torino, in Italia e anche nel mondo. Le Tredicesime dell’amicizia giungono quest’anno alla 43esima edizione consecutiva. L’obiettivo è quello di raccogliere 1 milione di euro per poter distribuire 2000 aiuti da 500 euro ad altrettanti anziani poveri e soli. Entro il Natale. Ogni eventuale eccedenza, oltre il milione di euro, verrà destinata per le famiglie.

CLICCA QUI

Nuovi orari allo Specchio Point

Dopo la pausa di agosto, lo Specchio Point di via Santa Maria 6/h ha riaperto lunedì 3 settembre con nuovi orari. E’ ripreso dunque il servizio di sportello per le persone in difficoltà, che vengono ricevute su appuntamento dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 13.00. E’ necessario prenotarsi telefonando allo 011 5617323,  dal lunedì al venerdì dalle 12 alle 13.

 
Dal lunedì al venerdì, con orario 9-13, lo Specchio Point è aperto per raccogliere donazioni. In via Santa Maria (proprio dietro piazza Arbarello) si possono sostenere tutti i progetti della Fondazione, con contanti, carta di credito e bancomat.

Oggi chiude Specchio Point, riaprirà il 27 agosto

Oggi ha chiuso lo Specchio Point, il nostro sportello di aiuto in centro. Salutiamo i nostri ragazzi che vanno in ferie per due settimane. Il nostro ufficio distaccato di via Santa Maria riaprirà il 27 agosto.  Sempre operativa invece la sede centrale di via Lugaro 15 a cui è possibile rivolgersi via mail (specchiotempi@lastampa.it) o per telefono (011.6568229).

Specchio Point anche a Pinerolo

di Angelo Conti

Specchio dei tempi, in un progetto condiviso con Acea e Rotary Pinerolo, aprirà uno Specchio Point anche a Pinerolo, dopo quello di Torino (in via Santa Maria 6) operativo dallo scorso novembre. Si tratterà di un locale ove verranno accolte, una volta la settimana, le richieste delle famiglie più in difficoltà. L’obiettivo è quello di intervenire soprattutto nel sostenere il pagamento di utenze ed affitti. La sede di Specchio a Pinerolo sarà in Pazza San Donato 2, cioè nella centralissima Piazza del Duomo. L’inizio dell’attività è previsto entro la fine di settembre. Sarà una location dove verranno programmate anche numerose altre iniziative, utili alla cittadinanza. E dove sarà anche possibile effettuare donazioni a favore della fondazione.

Lo Specchio Point è cardioprotetto

di Angelo Conti

Lo Specchio Point di via Santa Maria 6 (a due passi da piazza Arbarello e piazza Solferino) è da oggi cardioprotetto. È dotato di defibrillatore e  nel week-end tutto lo staff ha completato l’addestramento al suo uso presso la sede di Piemonte Cuore. Siamo dunque pronti anche alle emergenze.

La Pasqua di Specchio: a Torino, in Somalia, in Iraq

di Angelo Conti

Ci sono coincidenze belle, che riempiono il cuore. Come quella di aver trovato, questa mattina, aprendo il pc qui alla Fondazione Specchio dei tempi (non stupitevi troppo… noi lavoriamo anche a Pasqua), una mail del Gruppo Umana Solidarietà con le foto scattate ieri a Dhuok, nel Kurdistan iracheno, dove Specchio ha attrezzato (con il Gus partner logistico) due strutture ludico-educative, frequentate da decine di piccoli curdi yazidi, sfuggiti l’anno scorso ai soprusi ed alle violenze dell’Isis nella zona di Mosul. Con questi bambini è in corso un programma di recupero dopo il pesante indottrinamento subìto. Difficile per i maschi, a cui era stato insegnato anche a fare la guerra, ma non meno semplice con le bambine, considerato che fra loro ci sono le vittime di inaudite violenze. Noi lavoriamo qui anche oggi, che non è ovviamente una festività in Kurdistan. Siamo vicini ai curdi, da sempre, soprattutto alle coraggiosissime donne, straordinarie nella vita e anche in battaglia. 

La Pasqua di Specchio dei tempi è con i piccoli curdi, ma anche con le nostre carissime bambine abusate dello Sri Lanka, con i piccoli messicani di Santa Catalina a cui stiamo ricostruendo la scuola, con i bambini somali che curiamo nell’ospedale di Hargeisa che abbiamo costruito e che stiamo attrezzando con la neonatologia, oltre che con i malati del sud del Myanmar a cui cerchiamo di portare conforto e cure con le cliniche mobili.

Ma siamo anche vicini alle 3045 persone che negli ultimi quattro mesi abbiamo aiutato a Torino. La nostra città e il nostro cuore. Perché senza i torinesi nulla di tutto questo sarebbe stato possibile.


Da Natale a Pasqua, Specchio in numeri

Da Natale a Pasqua. Gli ultimi 100 giorni di Specchio dei tempi sono andati così: 3045 interventi di solidarietà, uno ogni 45 minuti. 1045 famiglie e 2000 anziani aiutati con le donazioni dei lettori de La Stampa. Grazie.

 

Basta un clic QUI per continuare a sostenerci con una donazione online.
QUI trovate tutte le altre modalità per aiutarci.
QUI gli aggiornamenti sugli oltre 50 progetti che stiamo portando avanti.

[LA STAMPA] Specchio ha aiutato 3045 famiglie in tre mesi

Il presidente Passerin: “Tornare in centro era una sfida, abbiamo trovato tanta solidarietà”

Un ritorno nel centro città atteso da tempo, pensato per affrontare con aiuti concreti e la solidarietà i disagi di chi fatica a vivere. Sono passati 125 giorni dall’apertura del nuovo sportello di Specchio dei tempi, in via Santa Maria 6/H, lo Specchio Point.

Quasi quattro mesi di lavoro costante al servizio dei bisogni di chi è in difficoltà, che hanno permesso di raggiungere 545 famiglie, beneficiari dei contributi dalla Fondazione Specchio dei tempi per il pagamento di bollette e altri aiuti economici: in tutto oltre 50 mila euro

In tantissimi, spiegano gli operatori, si sono rivolti allo sportello dalla sua apertura per avere un appoggio, tanto che si è dovuto procedere organizzando appuntamenti, per evitare le file.

-> Clicca qui per continuare a leggere l’articolo di Bernardo Basilici Menini pubblicato su La Stampa

[LASTAMPA] Eva ed Emily, le piccole rom che sognano i campi da calcio

Articolo di Lucia Caretti pubblicato su “La Stampa” sabato 17 marzo

Eva ed Emily non hanno ancora esordito. “Ci avevano invitato ad un torneo – confessa l’allenatrice Maria Urzica – ma avrebbero dovuto incontrare la Juve. Non siamo ancora pronte”. Non per una partita contro le bimbe terribili delle giovanili; ma per una foto con le stelle della prima squadra invece sì. Niente scuola, è una mattina speciale: allo Specchio Point le due piccole del Madonna di Campagna sorridono accanto a Rita Guarino, Sara Gama e Chiara Appendino. Torneranno al campo rom con l’autografo della capitana e della allenatrice della Juventus Women, racconteranno di aver incontrato la sindaca e di aver strappato una promessa al coach bianconero: “Verrò a trovarvi”.

Si chiama “Un pallone per l’integrazione” ed è il nuovo progetto che Specchio dei tempi ha presentato ieri allo sportello di via Santa Maria. Un intervento con cui la fondazione vuole unire calcio e sociale e aiutare una delle aree più fragili della città. Sei formazioni maschili con atleti da otto paesi; una “rosa” costituita da sei bimbe rom. Lo sport club Madonna di Campagna si allena in strada Bellacomba, coinvolge decine di giovani tra gli 8 e 16 anni dei quartieri Borgo Vittoria e Vallette, ma pure di Borgaro e Venaria. Milita nei campionati del Csi ed è presieduto dalla rumena Urzica. “Li sosterremo economicamente –  spiega il numero uno della fondazione Lodovico Passerin d’Entreves – attraverso i valori dello sport vogliamo offrire la corretta strada verso l’inclusione, con l’obiettivo di creare cittadini responsabili e motivati”.

Urzica è commossa: “Non avevamo nemmeno la luce all’inizio, facciamo tanti sacrifici, ma non molliamo. Bisogna combattere per quello in cui si crede”. Anche a Rita Guarino brillano gli occhi: per anni ha girato i campi di Torino a caccia di talenti e immaginato una realtà come quella messa in piedi da Juventus la scorsa estate. “Questa è un’iniziativa splendida – commenta – si parla di opportunità e il calcio femminile insegna che per ottenere delle cose bisogna lottare, fino in fondo. Quando c’è una mano che ti aiuta e ti spinge è più facile”. La mano dei lettori de “La Stampa” è arrivata su spinta della sindaca, che aveva segnalato a Specchio le difficoltà del Madonna di Campagna ed è una grande appassionata di calcio. “Ho giocato, ma non ero brava come voi” scherza Appendino con le bianconere. “Non sono ancora venuta a vedervi, ma ci sarò per la sfida-scudetto con il Brescia”.

Sarà il 14 aprile. Le Women intanto continuano a fare la rivoluzione: “Stiamo riuscendo ad avere la visibilità che ci è sempre mancata. Questo ci aiuta ad abbattere le barriere culturali e i pregiudizi” prosegue Guarino, ex capitano della nazionale. Allo Specchio Point s’inseguono sogni e ricordi: “Nel ’99 Rita ha giocato l’ultimo mondiale dell’Italia” racconta Sara, che aveva dieci anni come le calciatrici del Madonna di Campagna, e oggi guida le azzurre che stanno per centrare un’altra storica qualificazione. “Che consiglio posso dare a queste bimbe? Solo uno: divertitevi e fate tutto con passione. Le cose evolvera17nno molto in fretta. Quando sarete grandi troverete un calcio femminile riconosciuto. Siamo già su quella strada”.