Specchio dei tempi Ancora un progetto per l'Africa
21 Settembre 2011

Ancora un progetto per l'Africa

ANGELO CONTI

Quarto progetto in Africa per Specchio dei tempi nella lotta contro la fame e la carestia in Corno d’Africa. Dopo l’ospedale pediatrico di Hargeisa in Somaliland (progetto completato, terreno acquisito, apertura cantiere 1 novembre, con le Associazioni Soomaliya e NutriAid), l’aiuto a 5.000 famiglie ed a 18 scuole Samburu, nel distretto di Maralal in Alto Kenya (attivo dallo scorso 10 agosto con i padri delle Missioni della Consolata), lo screening medico su 150.000 bambini e donne gravide in Etiopia (partito l’1 settembre con i medici del Cuamm), i lettori de La Stampa aiuteranno anche la LVIA di Cuneo sostenendo il progetto di approvvigionamento dell’acqua nella regione Merty (Kenya). Per questo intervento, la fondazione del nostro giornale impegnerà 100.000 euro.
Non è la prima volta che le strade di Specchio dei tempi e della LVIA si incontrano: era già successo nel 1999 a Scutari, in Albania, vicino al confine con il Kossovo, dove i lettori de La Stampa avevano messo a disposizione le risorse per realizzare un campo profughi (gestito da LVIA) che arrivò ad ospitare sino a 3500 persone contemporaneamente.
Ora questo connubio trova una nuova ragione di esistere, su un fronte – quello della siccità africana – che é la prima emergenza naturale mondiale del momento. Sarà un modo per ricordare e rendere ancora più prezioso l’impegno del volontario della LVIA Claudio Sampò, deceduto tre settimane fa in Kenya, mentre stava lavorando a questo progetto, per una pericardite fulminante.
Specchio dei tempi garantirà per i prossimi 43 giorni un servizio di water tanking che consentirà l’approvvigionamento di 20 litri al giorno a 2400 nuclei famigliari, in totale circa 13.300 persone delle tribù Merti e Sericho che vivono ai piedi del monte Kenya. Qui il principale fiume e tutti i suoi affluenti sono in completa secca da molti mesi.
Il water tanking consiste nel trasporto di acqua in autobotti dalle sorgenti alle infrastrutture di stoccaggio. L’acqua viene attinta presso sorgenti e pozzi esistenti nei distretti di Isiolo e Igembe North. Viene poi trattata secondo le specifiche del WHO (World Health Organization) e trasportata con viaggi giornalieri ai villaggi che hanno immediata necessità d’acqua. Questo intervento è particolarmente efficace perchè fronteggia una emergenza reale e concreta. L’intervento prevede l’utilizzo di quattro camion cisterna al giorno, ognuno da 12.000 litri.
Intanto la sottoscrizione ha superato quota 775.000 euro.
I lettori possono continuare ai aiutare i nostri interventi in Corno d’Africa con un versamento tramite
bonifico sul conto corrente intestato a: Fondazione – La Stampa Specchio dei tempi; Iban: IT10 V030 6901 0001 0000 0120 118. Indicando come Causale “Fondo 584 per i bambini della Somalia”;
– tramite conto corrente postale numero 7104, La Stampa – Specchio dei tempi, via Marenco 32, 10126 Torino, indicando il mittente, cui sarà inviata ricevuta, e scrivendo la dicitura “Fondo 584 per i bambini della Somalia”;
– tramite assegno via posta inserendo nella lettera assegni e non contanti, indirizzandola a: Specchio dei tempi, via Marenco 32, 10126 Torino;
– agli sportelli La Stampa in via Monte di Pietà 2 (presso Libreria Mondadori) e in via Marenco 32 a Torino;
– on-line con carta di credito sul sito www.specchiodeitempi.org.
Per informazioni è possibile rivolgersi alla mail specchiotempi@lastampa.it.

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario