Specchio dei tempi Haiti Una sala operatoria e una scuola per i tanti...
26 Gennaio 2010

Haiti Una sala operatoria e una scuola per i tanti bambini terremotati

ANGELO CONTI

Le sottoscrizioni di Specchio dei tempi nascono da sole. Sono stati anche questa volta i lettori, presentandosi spontaneamente agli sportelli di via Roma e di via Marenco, e poi attraverso tutti gli altri canali, a dare vita ad un’altra, eccezionale, prova di solidarietà. Dopo un’annata contrassegnata dal terremoto dell’Abruzzo (con 3 milioni di euro versati alla fondazione), dopo l’eccellente risultato della sottoscrizione per le Tredicesime dell’Amicizia (che ha sfiorato quota 1 milione di euro) poteva essere immaginabile un po’ di stanchezza. Invece l’apprensione per quanto è successo e per quanto sta succedendo ad Haiti ha nuovamente animato la solidarietà di chi legge questo giornale. Ed abbiamo rapidamente registrato già migliaia di offerte che hanno portato la somma globale a 460 mila euro. Una cifra destinata a crescere ancora molto, nei prossimi giorni e nelle prossime settimane.
Specchio dei tempi è stato, da subito, vicino ai Padri Camilliani torinesi, che a Port-au-Prince gestiscono l’unico ospedale pediatrico della città. Qui sono stati curati migliaia e migliaia di feriti e circa 200 persone, quelle con i traumi più gravi, sono trattenute nei reparti di degenza. La somma immediatamente messa a disposizione dei Padri Camilliani è già servita per spedire due container colmi di medicinali (soprattutto antibiotici, anestetici, antidolorifici e siero antitetanico), materiali per la medicazione, generi alimentari (riso, pasta, olio, scatolame, latte in polvere) e di prima necessità. Ora i Padri Camilliani ci hanno chiesto di concentrare gli sforzi per la fornitura di una camera operatoria ortopedica, che è diventato uno dei nostri obiettivi.
Intanto abbiamo ricevuto la richiesta di aiuto anche dalla Missione Lakay Mwen, condotta dal missionario laico Maurizio Bancaro. Qui sorge una scuola che ospita, ogni giorno, 1500 bambini (circa 850 dei quali delle scuole primarie), alcune centinaia adottati a distanza da famiglie torinesi e chieresi. In questa missione ci sono stati morti e la scuola ha avuto consistenti danni, pur senza crollare. In queste ore si stanno quantificando i costi degli interventi di riparazione e di ripristino. Nonché la necessità di realizzare un piccolo ambulatorio medico. Anche qui Specchio dei tempi valuterà, nel giro di pochi giorni, la possibilità di un importante intervento.
Intanto continua lo slancio dei lettori. Tante le offerte, piccole e grandi. Fra quelle più significative quella del Museo del Cinema e del Gtt (non nuovi ad importanti gesti di solidarietà) che hanno deciso di versare a Specchio dei tempi circa 8 mila euro, che rappresentano l’incasso di domenica scorsa del museo e dell’ascensore della Mole Antonelliana.
Come versare
Si può versare a Specchio dei tempi presso gli sportelli La Stampa in via Roma 80 e in via Marenco 32. Tramite bonifico sul c/c bancario intestato a: Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi; Iban: IT10 V030 6901 0001 0000 0120 118. Tramite conto corrente postale numero 7104 intestato a La Stampa – Specchio dei tempi, indicando il mittente e scrivendo la dicitura. On line con carta di credito all’indirizzo www.specchiodeitempi.org.

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario