Specchio dei tempi Non solo scuola e campus ma anche amicizia e vacanze
31 Luglio 2012

Non solo scuola e campus ma anche amicizia e vacanze

Specchio dei tempi e il Comune di Torino oltre alle iniziative a sostegno delle scuole di Mirandola attueranno anche un programma di visite e incontri

Il sindaco Fassino, nella conferenza stampa di una settimana fa, lo ha promesso. Se l’alleanza fra Specchio dei tempi e il Comune di Torino potrà portare alla realizzazione di un prezioso Campus biomedicale a Mirandola, utile sia per gli studi degli alunni del liceo scientifico e dell’istituto professionale (che hanno avuto le sedi scolastiche pesantemente lesionate) e sia per le sperimentazioni dei materiali da parte delle aziende locali del settore, non mancheranno altre iniziative per rendere più facile il ritorno ad una vita normale per i tantio ragazzi che vivono nelle aree terremotate.
Così, il Comune sta studiando in questi giorni, l’organizzazione di un soggiorno a Pracatinat (per gli studenti di Mirandola) mentre Specchio dei tempi e Turismo Torino hanno già messo in cantiere l’organizzazione di un viaggio alla scoperta di Torino per gli alunni della Scuola Elementare di San Carlo, nel comune di Sant’Agostino. Ma poichè l’obiettivo primo dell’intesa fra Comune e Specchio è la realizzazione del Campus Biopmedicale, il massimo impegno dovrà essere posto lì.
L’opera, che ha un costo di circa 400.000 euro (oltre al prefabbricato che sarà realizzato a cura della Confindustria) per quanto riguarda l’acquisto e l’avvio dei laboratori scientifici (che alla fine dell’intervento saranno cinque, di diversa tipologia, così da offrire uno spettro completo di intervento) , deve ancora essere in parte finanziata attraverso iniziative di raccolta fondi. Occorrono infatti altri 150.000 euro. Nei piani del Comune di Torino c’è la realizzazione di un evento gastronomico a settembre che metterà a confronto la cucina dei due territori con la collaborazione di Massimo Bottura, chef “stellato” dell’Osteria Francescana di Modena. L’obiettivo è quello di raccogliere almeno 1000 commensali in una location storica che sarà individuata nelle prossime settimane.

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario