23 maggio 2020

Oltre 300 mila euro per le imprese cuneesi: da oggi via al bando di Specchio

 

Di Michela Casale Alloa
Pubblicato su La Stampa il 23 maggio 2020

Oltre trecentomila euro per aiutare le piccole imprese cuneesi a rialzarsi. Da oggi il progetto è realtà: in poco più di una settimana Specchio dei tempi ha trovato i fondi necessari e ha messo in piedi un bando per le aziende travolte dalla pandemia. Si chiama «La Granda che riparte» e da stamattina ci si può candidare: ci sono in palio 101 assegni da 3 mila euro ciascuno, ma potrebbero essere molti più, perché la raccolta prosegue. Ieri sono arrivati 40 mila euro dalla Cassa di Risparmio di Fossano e 10 mila euro dalla Banca di Alba. Ma la Fondazione de «La Stampa» continuerà a trasformare ogni euro ricevuto in sussidi per le attività artigianali e commerciali.

Antonio Miglio, presidente della Cassa di Risparmio di Fossano: «La nostra è una banca di territorio e fra i nostri clienti ci sono molte piccole imprese. Quindi, oltre a cercare di essere più veloci dei finanziamenti garantiti dallo Stato, riteniamo importante e utile aiutare quelle ditte che hanno difficoltà di accesso al credito bancario. Per questo abbiamo deciso di sostenere l’iniziativa».

VAI AL BANDO

«In questa emergenza, Banca d’Alba è stata sempre presente a sostegno del proprio territorio con importanti interventi in campo sanitario, ma anche e soprattutto con misure di sostegno a favore delle famiglie e le imprese – dice il presidente di Banca d’Alba, Tino Cornaglia -. Gli artigiani e i commercianti sono il polmone dell’economia della provincia e siamo al loro fianco nell’immediato per le difficoltà e alla ripartenza con un’assistenza mirata e puntuale».

Fruttivendoli, baristi, parrucchieri, ristoratori, edicolanti, muratori, autonomi. Tutti possono chiedere il sostegno di Specchio: ditte individuali e società di persone, purché abbiano la sede legale e operativa a Cuneo o in un comune della provincia. Altro requisito fondamentale, i ricavi del 2018: non devono essere superiori a 60 mila euro. Per le attività avviate nel 2019, è richiesta una autocertificazione. Il regolamento completo si trova  su bando.specchiodeitempi.org, dove bisogna anche scaricare il modulo di adesione. Va inviato insieme alla dichiarazione dei redditi, al documento di identità e alla visura.

Per partecipare c’è tempo fino al 3 giugno, alle 24: bisogna inviare un’email a bando@specchiodeitempi.org con gli allegati in formato pdf. Pec, materiali su Wetransfer o simili, o inviati in formato cartaceo, non saranno accettati. Lo staff della Fondazione lavorerà per due settimane per stilare la graduatoria: i vincitori saranno avvisati entro il 18 giugno, mentre fino al 16 giugno alle 24 si raccoglieranno donazioni. Gli aiuti economici saranno erogati in pochi giorni, sino ad esaurimento dei fondi, per garantire la rapidità dell’intervento.

DONA PER LE IMPRESE

Fare in fretta. Fare cose concrete, che diano speranza a chi non ne ha più. Da 65 anni Specchio dei tempi lavora così e per questo la onlus dei nostri lettori aveva immediatamente stanziato 100 mila euro per le piccole e micro-imprese cuneesi sull’orlo della chiusura. Subito Confartigianato Cuneo e la Banca Alpi Marittime avevano appoggiato l’iniziativa, donando 40 mila euro ciascuna. Poi si erano uniti il gruppo «Impresecheresistono» (10  mila euro), la Cassa di Risparmio di Savigliano (30 mila) ed Egea (30 mila). Con gli ultimi due contributi arrivati ieri, e le prime offerte dei lettori, la somma provvisoria raccolta  è salita a 303 mila euro.

Condividi con i tuoi amici

Commenta con il profilo Facebook

Commenti

VAI ALLA CAMPAGNA DONA ORA