Specchio dei tempi Porte aperte domenica nelle scuole in Abruzzo
2 Ottobre 2009

Porte aperte domenica nelle scuole in Abruzzo

ANGELO CONTI

Settimane frenetiche nei cantieri di Specchio dei tempi in Abruzzo. In tutti e tre i Comuni interessati dai lavori si stanno facendo grossi progressi. Particolarmente avanti è la struttura di Barisciano (un asilo, una scuola materna, una scuola media, una mensa, un refettorio, un’aula tecnica) dove è già in stato avanzato la posa del tetto, bene anche i lavori a Cugnoli (un asilo, una scuola materna, una scuola media, una mensa, un refettorio, un’aula informatica) dove sono in stato di finizione le pareti, mentre è cominciato il montaggio anche della scuola elementare (con mensa scolastica e refettorio) di Poggio Picenze. Proprio quest’ultima struttura ha subito qualche rallentamento dovuto alla richiesta, da parte dell’amministrazione comunale, di aggiungere la mensa ed il refettorio (che inizialmente dovevano essere forniti da altra fondazione). In dieci giorni è stato cambiato il progetto e s’è potuto dare comunque il via ai lavori.
La prospettiva è di procedere alla ultimazione di tutte le strutture entro il 15-20 di ottobre con un successivo rapido allestimento dei locali (tutti i mobili sono già stati prodotti da una azienda di Vasto) nonché delle cucine per le mense. Poi i bambini potranno entrare nelle aule e continuare, in un ambiente ottimale, il loro percorso scolastico.
Intanto domenica mattina la Fondazione Specchio dei tempi, i Comuni ed la ditta Focagroup che sta eseguendo i lavori, apriranno le porte dei cantieri per mostrare agli abitanti di Barisciano e Cugnoli lo stato dei lavori. Invitati anche tutti i lettori de La Stampa, che si trovassero in zona. Particolarmente consigliata la visita delle scuole di Barisciano, dove è già in corso la posa dei tetti. (I lavori possono anche essere seguiti via webcam sul sito www.specchiodeitempi.org).
Sabato, invece, a Barisciano, Specchio dei tempi interverrà ad un convegno sulle costruzioni in tempi d’emergenza. Sarà il momento per raccontare come si muove la fondazione de La Stampa, dal giorno successivo alle tragedie sino al momento del completamento degli interventi a favore delle popolazioni colpite.

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario