Specchio dei tempi Sant'anna, così i nuovi ambienti daranno forza alle malate
18 Aprile 2019

Sant'anna, così i nuovi ambienti daranno forza alle malate

Articolo di Beppe Minello

Ci sono i medici, gli infermieri, il personale sanitario nel suo complesso. Poi ci sono loro, mossi solo dall’altruismo, dalla generosità, spesso dall’esperienza, dolorosa o illuminante, vissuta sulla propria pelle nel letto di qualche ospedale o persi nei meandri di una Sanità che sa offrire tante prestazioni di eccellenza ma anche momenti di smarrimento burocratico e umano. Sono i volontari che, solo nel complesso della Città della Salute, «sono circa 1.800, un numero significativo e importante se si pensa che tutti i dipendenti della stessa struttura, dal primario all’ultimo usciere, arrivano a 15 mila persone» rivela Luigi Visintin, presidente di Federvolontari. Ed è con questo mondo che la Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi lavora e lavorerà per realizzare il Day Hospital del Sant’Anna. Un mondo che s’è confrontato con Specchio dei tempi per raccontare progetti e sogni che nel nuovo Day Hospital possono trovare una possibilità di ulteriore rilancio «a patto che il progetto venga realizzato tenendo conto delle esigenze delle donne e i volontari trovino il modo di coordinarsi meglio tra loro per evitare doppioni e non disperdere energie» ha ammonito la dottoressa Teresa Volpe, medico del Sant’Anna e, essa stessa, esponente di «In seno alla vita». Un richiamo alla realtà e alla concretezza doveroso che però nulla toglie alla ricchezza, alla fantasia, alla bellezza di ciò che tante donne e uomini realizzano ogni giorno negli ospedali torinesi, non solo al Sant’Anna, a favore di sconosciuti accomunati dal dolore.
Onofrio Di Gennaro e Anna Maria Ottaviani dell’AVO (Associazione Volontari Ospedalieri) sono entusiasti del nuovo Day Hospital «con il quale collaboreremo perché l’umanizzazione delle strutture sanitarie è anche il nostro obiettivo. Siamo una cinquantina. Da tempo attendiamo un progetto come il nuovo Day Hospital perché conosciamo le esigenze di chi, mentre già combatte una battaglia durissima contro il male, deve correre da una parte all’altra dell’ospedale». Paola Montano, psicologa, guida il GADOS, (Gruppo Assistenza Donne Operate al Seno), l’associazione più antica. «Ad aprile compiamo 35 anni – dice Fernanda Barlusconi – e da allora ci occupiamo di gestire il cambiamento che affrontano le donne che precipitano nell’incubo del tumore al seno. Che noi conosciamo perché ci siamo passate. Siamo una testimonianza diretta che ce la si può fare». Il GADOS è un vulcano di iniziative: dai corsi di cucina naturale coordinati dal cuoco dell’Istituto dei tumori di Milano, «ai corsi di danza del ventre e iniziative ludiche come le sfilate di moda mare con costumi adeguati a chi è stato operato al seno – dice Paola Montano -. Offriamo a tutte loro la possibilità di rimettersi in gioco». L’obiettivo della RAVI, nata su impulso del chirurgo senologo Coluccia e delle donne accomunate dalle ore passate insieme a fare chemioterapia, è indicato esplicitamente nel suo nome: ricominciare a vivere dopo l’operazione al seno.

La RAVI è guidata da 3 anni da Antonella Davello: «Quando è tutto finito, tornare alla normalità non è sempre facile – dice -. Il cancro al seno ti toglie parte della personalità femminile e questo non è facile da gestire». «Il nostro fiore all’occhiello che piace tanto alle ricoverate – racconta Pina Martinazzo, una delle due vicepresidenti, operata e socia fondatrice del Ravi – è «Il dottore risponde» che una volta si chiamava «Dottore si spogli». È il momento in cui i medici della “breast” rispondono alle domande delle pazienti che in quella sede, spesso, trovano il coraggio di fare quelle domande che non hanno osato fare a tu per tu». Alice Tudisco della ACTO (Alleanza Contro il Tumore Ovarico) e a Dina Aufiero che guida la SIDEO (Solidarietà Internazionale Donne con Esperienza Oncologica) sono un altro esempio di altruismo. «Seguiamo tutte le donne con problematiche oncologiche, non solo quelle operate al seno – spiega Aufiero -. Il nostro staff, composto da una trentina di persone, compreso un medico legale e un legale che offre consulenze gratuite, aiuta le donne a risolvere i problemi che sorgono dopo l’intervento quando le donne, soprattutto le più giovani e in campo lavorativo, si ritrovano sole»

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario