Specchio dei tempi Tredicesime, un aiuto a 2000 anziani
18 Ottobre 2011

Tredicesime, un aiuto a 2000 anziani

ANGELO CONTI

Anche il prossimo Natale, come tutti i Natali, Specchio dei tempi rinnova l’iniziativa dalla «Tredicesima dell’amicizia», destinata a far sentire affetto e solidarietà agli anziani più bisognosi. Andrà a quanti hanno superato i 65 anni e che, oltre al peso dell’età e dell’indigenza, devono sopportare quello della solitudine. Per il 2010 l’importo dell’assegno sale a 450 euro, per essere in qualche modo allineato con il valore delle pensioni minime. L’obiettivo iniziale è quello di distribuirne almeno 2000, ma speriamo di più, se la generosità dei lettori ce lo consentirà. Quest’anno Specchio dei tempi celebra i trentaquattro anni della Tredicesima ed anche i cinquantacinque anni della rubrica (che debuttò sulle pagine de La Stampa il 17 dicembre del 1955).
La lontana scelta di lanciare le Tredicesime dell’Amicizia fu fatta sulla spinta dei lettori che, sotto Natale, avevano preso l’abitudine di offrire un piccolo contribuito per i torinesi più sfortunati. Il primo assegno fu di 30.000 lire, versato a 1000 anziani nel 1976. Una cifra che oggi pare piccolissima ma che allora consentiva di acquistare il carbone per tutta la stagione. L’assegno fu portato a 50.000 lire nel ‘78 ed a 100 l’anno dopo. Dall’80 si passò a 200.000 lire, dall’83 a 300, dall’85 a 400, dall’87 a 500, dal ‘92 a 600 e dal ‘98 a 700. Con l’avvento dell’euro quella cifra divenne 360 euro, sino al 2003 quando fu elevata a 400 euro. Quest’anno sale a 450. Sono oltre 51.000 gli anziani che hanno ricevuto, in tutti questi anni, una tredicesima di Specchio dei tempi.
E se la maggioranza di questi assegni sono stati consegnati attraverso le associazioni di volontariato, molte migliaia sono stati invece recapitati dai giornalisti de La Stampa. Questa è una vecchia abitudine alla quale non abbiamo mai rinunciato, anche quando sembrava in fondo più semplice far transitare il denaro attraverso i tanti volontari che animano le associazioni che lavorano con noi. Ma c’è qualcosa che ci ha sempre spinti a salire le scale dei condomini più poveri della città: la possibilità di offrire, oltre al denaro, anche un attimo di compagnia, di evasione, di amicizia. E di ricevere, in cambio, quelle perle di saggezza e di vita che solo gli anziani sanno davvero offrire. Scale che saliremo anche quest’anno, purtroppo con la previsione di dover incontrare anziani un po’ più poveri rispetto al passato.
COME VERSARE
Anche quest’anno i lettori possono darci una mano con un contributo che è possibile versare
– agli sportelli La Stampa in via Roma 80 e in via Marenco 32 a Torino
– tramite bonifico sul conto corrente intestato a: Fondazione – La Stampa Specchio dei tempi; Iban: IT10 V030 6901 0001 0000 0120 118.
– tramite conto corrente postale numero 7104, La Stampa – Specchio dei tempi, via Marenco 32, 10126 Torino, indicando il mittente, cui sarà inviata ricevuta, e scrivendo la dicitura – tramite assegno via posta inserendo nella lettera assegni e non contanti, indirizzandola a: Specchio dei tempi, via Marenco 32, 10126 Torino
– on line con carta di credito sul sito www.specchiodeitempi.org
Per informazioni è possibile rivolgersi, in orario d’ufficio, allo 011.6568376/229 o alla mail specchiotempi@lastampa.it .
www.specchiodeitempi.org

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario