Specchio dei tempi Un anno ad Hargeisa, curati oltre 11.600 bambini
28 Gennaio 2014

Un anno ad Hargeisa, curati oltre 11.600 bambini

L’ospedale costruito dai lettori de La Stampa dopo la sottoscrizione per la carestia in Corno d’Africa dà speranza a famiglie poverissime e disperate

ANGELO CONTI

Domani il Mohamed Aden Sheihk Children Hospital di Hargeisa compie un anno. L’avevamo inaugurato il 29 gennaio 2013, dopo averlo costruito in poco più di 10 mesi con i fondi versati dai lettori de La Stampe durante la sottoscrizione per la Carestia in Corno d’Africa. Il progetto, che Specchio dei tempi ha sempre seguito da vicino con consistenti finanziamenti, è ormai una importante realtà del Somaliland.

Straordinario soprattutto perchè completamente gratuito per tutti i bambini (in passato condannati a morire per l’impossibilità dei genitori a pagare le cure): ne abbiamo assistiti 11.690, centinaia di loro non ce l’avrebbero fatta… All’ospedale si rivolgono famiglie poverissime, molte fuggite dalla Somalia meridionale (dove le frequenti carestie si alternano a guerre tribali) ed anche dalla Eritrea.

Per sostenere la struttura è stata creata la Mas Cth Onlus, animata da professionisti e volontari piemontesi, che ha avuto, l’anno scorso, anche un supporto dal nostro Ministero degli Affari Esteri. Ma continuiamo ad avere bisogno dell’aiuto dei lettori de La Stampa per salvare, ogni giorno, la vita di qualche bambino…

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario