Specchio dei tempi Un anno dopo in Lunigiana fra i bimbi dell’asilo di...
30 Ottobre 2012

Un anno dopo in Lunigiana fra i bimbi dell’asilo di Aulla

Specchio dei tempi è tornato, un anno dopo l’inondazione, nella cittadina toscana dove abbiamo riarredato la materna e dotato le elementari di aule multimediali

Siamo tornati ad Aulla, esattamente un anno dopo l’alluvione che spazzò via una parte di questa cittadina, seminando morte e distruzione. Ci siamo tornati anche per verificare il buon fine di tutti gli interventi, resi possibili dalla generosità dei lettori de La Stampa e realizzati dalla fondazione Specchio dei tempi. Ad Aulla ci siamo mossi con un’associazione locale che fa riferimento ai bambini, che ci ha indicato una serie di priorità. Il primo intervento è stato quello relativo all’asilo comunale che aveva patito un danno radicale, essendo stato completamente attraversato dalla piena del fiume.
In pratica erano rimasti soltanto i muri, mentre tutto il resto era stato spazzato via. L’intervento di Specchio di tempi è stato quindi volto prima al ripristino igienico della struttura, poi al riarredo totale. Armadietti, tavoli, sedie, giochi: tutto è tornato al suo posto nel giro di poche settimane, consentendo così una sollecita ripresa dell’attività educativa, tanto importante in una situazione in cui tante famiglie si trovavano a dover affrontare danni strutturali alle proprie abitazione. L’incontro di giovedì, con i bimbi dell’asilo, è stato molto simpatico e piacevole. Una visita informale, ma a tratti commuovente.
Subito dopo il presidente di Specchio dei tempi, Roberto Bellato, ha proceduto alla consegna di 18 borse di studio agli allievi della quarta ginnasio, una iniziativa volta a incentivare le iscrizioni ad una scuola, che dopo l’alluvione rischiava di chiudere. I ragazzi hanno espresso la loro viva gratitudine ai lettori de La Stampa, pregandoci di far loro da portavoce. Infine c’è stata la consegna dell’aula multimediale alle scuole elementari. Si tratta di una iniziativa resa possibile anche dalla collaborazione di Apple Italia che consentirà ai bambini di ogni classe di disporre, nell’orario delle lezioni di informatica, di un Ipad sotto copertura wifi, sempre controllato dall’insegnante che potrà guidare la navigazione di tutti. Torneremo in questa zona il prossimo 13 novembre per consegnate altre borse di studio, questa volta agli allievi della scuola elementare di Borghetto di Vara.

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario