Specchio dei tempi Una scuola per 150 bambini dell'Abruzzo
19 Gennaio 2010

Una scuola per 150 bambini dell'Abruzzo

Donata dai lettori de La Stampa

ANGELO CONTI

BARISCIANO (L’AQUILA)
La prima è stata Caterina, 5 anni, scuola dell’infanzia. E’ entrata nel nuovo complesso scolastico di Barisciano lunedì 18 gennaio alle 8 e 10, con un po’ di anticipo su tutti gli altri, stringendo al petto un pinguino di peluche. “Era curiosa – ha confidato la madre -, non vedeva l’ora di vedere la sua nuova scuola”. Lei, sgranando gli occhi, ha solo detto: “Finalmente qui potremo correre nei corridoi”. Già, nei container era proprio difficile anche perchè i corridoi proprio non c’erano. Ora, nella nuova scuola, donata dai lettori de La Stampa ai bimbi abruzzesi, la vita di questi bimbi cambierà.
E’ stato un giorno di festa, in questo comune di 2000 abitanti, arroccata sul crinale della montagna ad una ventina di chilometri da L’Aquila. Una festa molto intima, molto misurata, fatta soprattutto di strette di mano, di mamme riconoscenti, di appuntati dei carabinieri, di bidelli giustamente impegnati a far restare bianchi i muri, di biscottini di mais sfornati dalla nonna.
L’inaugurazione ufficiale, quella con i politici e la banda, si farà soltanto fra una settimana. Ma intanto i 150 bambini di Barisciano sono ormai tutti qua, al caldo della nuova scuola. Il sindaco, Domenico Panone,: «L’apertura della nuova scuola è un reale punto si svolta. Finalmente i bambini lasciano alle spalle l’emergenza. Finalmente potranno riprendere un percorso didattico pieno, in strutture adatte, con la mensa, il refettorio, l’aula di informatica. Nei container si stava stretti, ma soprattutto per i più piccoli c’erano forti disagi. Per andare ai bagni i bimbi dovevano uscire e raggiungere i bagni da campo. Spesso con la neve, spesso con la temperatura sotto zero. Qui siamo a mille metri…».
La scuola di Barisciano è stata realizzata dalla Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi con una spesa appena superiore al milione di euro. E’ una struttura ad un solo piano che si sviluppa su circa 1000 metri quadrati coperti: dispone di un asilo (con due aule e servizi), di una scuola elementare, di una scuola media, di una mensa, di una cucina completamente attrezzata, di un locale frigorifero, di un’aula informatica, di locali per i docenti. La richiesta del Dipartimento della Protezione Civile di costruire questa scuola è arrivata alla Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi nel mese di giugno. A settembre è stato completata l’urbanizzazione dell’area e la posa del battuto di cemento. In poco più di tre mesi il complesso scolastico è stato ultimato.
Ieri i cronisti de La Stampa hanno accolto i bambini ed i loro genitori. Hanno spiegato loro che quell’opera era stata possibile grazie alla generosità di migliaia di lettori del nostro giornale a cui si sono poi aggiunte le donazioni a Specchio dei tempi della Regione Piemonte e di Fenice, un’azienda del gruppo francese Edf che ha sede a Rivoli. Un aiuto è anche arrivato dai dipendenti della Tetra Pak che hanno raccolto la somma necessaria all’acquisto della cucina.

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario