Specchio dei tempi Andata a ruba l’opera di Nespolo per Specchio dei Tempi:...
6 Luglio 2020

Andata a ruba l’opera di Nespolo per Specchio dei Tempi: raccolti 42 mila euro

arte e donazioni per l'emergenza coronavirus

Di Maria Teresa Martinengo
Pubblicata su La Stampa il 6 luglio 2020

L’hanno voluta nonni per i nipotini,  mariti per le mogli e viceversa, per un regalo di compleanno, per Pasqua. Per dire «Andrà tutto bene» nei giorni più difficili del lockdown. L’opera creata da Ugo Nespolo per Specchio dei tempi, per sostenere la raccolta di aiuti allo scoppio dell’emergenza Coronavirus, ha portato alla Fondazione sempre al fianco dei torinesi e di infinite situazioni di difficoltà in Italia e nel mondo, oltre 42.000 euro.

La serenità che sprigiona dal disegno – un’esplosione di vita simboleggiata da sorrisi, fiori, musica, balli, con la frase di Majakovskij «Bisogna strappare la felicità ai giorni futuri» svolazzante in un cielo color arancio – ha conquistato i lettori de La Stampa con il suo messaggio incoraggiante. E li ha convinti a donare anche molto molto di più dell’offerta minima di 50 euro. La tiratura della litografia in 500 copie su cartoncino di pregio delle Cartiere Fedrigoni è andata presto esaurita. Ora è nelle case come segno di un tempo drammatico, sospeso, a cui però si è cercato di reagire.

«La frase di Majakovskij mi è venuta in mente – aveva raccontato l’artista all’inizio di aprile – quando ho cominciato a pensare a questa tavola dedicata a Specchio dei tempi: un’immagine piena di cose belle, che piacciono, che sono vive. Che nel futuro ci saranno. Anche l’arte questa volta può fare la sua piccola parte. Speriamo sia qualcosa che le persone considerino prezioso. Io dedicherò ognuna delle tavole alla persona che l’ha acquistata». E così è stato: ogni donatore ha ricevuto la grafica firmata dall’artista con la dedica richiesta.  L’Artistica Savigliano, che l’ha stampata, ha poi provveduto a spedirla a casa in un’apposita confezione. Un ricordo di un tempo da dimenticare? Oggi, facendo il bilancio dell’iniziativa, Nespolo ammette: «Sono stato anche io sorpreso del successo dell’iniziativa, ma  le persone  hanno apprezzato la possibilità di ricordare questo tempo in un modo non drammatico. Ho ricevuto molte attestazioni di ringraziamento, l’idea è piaciuta anche come testimonianza. Sono contento che le opere degli artisti servano a qualcosa».

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

Aiutaci ad aiutare

Piemonte
Emergenza Coronavirus
In prima linea per aiutare ospedali, scuole e imprese