21 giugno 2020

Cuneo, la sarta premiata dal bando di Specchio: “Questo aiuto è un raggio di luce”

 

Di Barbara Morra
Pubblicato su La Stampa il 21 giugno 2020

“Quando ho saputo che c’era il contributo ero con un’amica e le ho detto che non mi sembrava vero, è stato un raggio di luce, una boccata d’ossigeno”. Il mestiere di Rossella Campisi è quello della sarta. Insieme alla socia Karin Holzmann ha l’atelier di sartoria “Pas de mots” in via Savigliano 29 a Cuneo, attività che ha ottenuto il contributo di 3000 euro dalla Fondazione Specchio dei tempi della Stampa. “Oltre a questo da un anno e mezzo faccio costumi e scenografie per il teatro a servizio di una cooperativa – racconta -. Prima che tutto cambiasse ero tranquilla, questo due lavori mi davano sicurezza. E invece entrambi si sono dovuti fermare per il lockdown. La notizia di ciò che stava accadendo mi è arrivata durante un viaggio in Vietnam dove stavo acquistando sete e altri tessuti bellissimi. Gli amici del teatro mi hanno detto che tutto si era fermato”. Niente lavoro, niente entrate.

Ma Rossella ha colto l’occasione:”In negozio ho preso tutto ciò che serviva e l’ho portato a casa. In questi mesi ho creato e lavorato ad idee nuove. Una parte di me ne aveva bisogno: mettere in ordine quello che già c’era e fare spazio al nuovo. Con la riapertura abbiamo riversato in negozio questa energia emersa in quattro mesi. Moltissimi clienti sono subito arrivati e altri ci hanno scoperte. Il modo è particolare: alcuni, in questo periodo di distanziamento evitano le strade affollate come via Roma. Noi siamo su una laterale e per la prima volta alcune persone hanno notato la nostra esistenza”. Con il negozio Rossella ha lanciato la “Kimono mania”. “Un indumento molto versatile e adattabile – spiega -, si può sdrammatizzare con jeans o pantaloni attillati, si può indossare in modo più classico come giacca elegante, soprabito da sera o addirittura come vestaglia da camera, come veniva usato in Europa nei primi anni del Novecento”. La socia, Karin si occupa invece di complementi d’arredo e stampa di tessuti con antichi timbri indiani. La tecnica di chiama “Wood block printing, una stampa a mano su tessuti usando gli antichi stampi di legno oppure altri, nuovi, che provengono dall’India e dall’Europa settentrionale. Tutti i tessuti sono realizzati con fibre naturali, canapa antica, lino, cotone o seta. Il negozio ospita spesso lavori di altri artigiani, oggetti da indossare e da collezione.

I 111 VINCITORI DEL BANDO CUNEO

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

DONA ORA

Condividi con i tuoi amici

Commenta con il profilo Facebook

Commenti