Calamità

Calamità

Per la gente dell'Ucraina

Cosa facciamo Calamità Per la gente dell'Ucraina

Da 1 anno aiutiamo gli ucraini in patria e in Italia

Un anno di guerra in Ucraina, un anno di solidarietà di Specchio dei tempi: verso chi è fuggito in Italia e verso chi continua a soffrire in patria. Ce lo chiesero e continuano chiedercelo tantissimi lettori che con il loro aiuto, tangibile e generoso, ci hanno permesso di salvare vite, di donare...

Un anno di guerra in Ucraina, un anno di solidarietà di Specchio dei tempi: verso chi è fuggito in Italia e verso chi continua a soffrire in patria. Ce lo chiesero e continuano chiedercelo tantissimi lettori che con il loro aiuto, tangibile e generoso, ci hanno permesso di salvare vite, di donare riparo e soccorsi, di offrire un primo aiuto concreto. Nei giorni più drammatici del conflitto, a febbraio, abbiamo subito aperto una raccolta fondi. Ad oggi il denaro offerto da 7.035 amici di Specchio ammonta a 1,75 milioni di euro. Denaro che ci ha permesso di costruire 3 villaggi a Leopoli, Cernivci e Rivne e di sostenere 1.200 famiglie in Italia e di trasportare 250 tonnellate di aiuti.

Cernivci, sotto una tensostruttura di 1000 mq e con l’aiuto dei volontari di Remar Sos, ospitiamo 1.500 persone al giorno. Persone che hanno perso tutto sotto le bombe e alle quali offriamo accoglienza immediata e un pasto caldo. Ci sono ambulatori (due, quelli dello Specchiobus trasferito in Ucraina d’intesa con l’associazione “Lorenzo Greco”), cucine, la mensa, area giochi per i bambini e brandine per dormire. Si chiama “Villaggio Specchio d’Italia”, dal nome della nostra Fondazione sorella, Specchio d’Italia, e si trova a 30 km dal confine rumeno. A giugno è sorto quello di Leopoli (distribuisce 700 pasti al giorno) e, a dicembre, nel rigido inverno dell’Est, è toccato a Rivne, al confine con la Bielorussia, dove già lavoravano da ottobre. Anche qui è sorta una tensostruttura ma coibentata e accompagnata da una fornitura di totem per il riscaldamento e generatori elettrici molto potenti.

Sono strutture indispensabili perché, a differenza di quanto accaduto all’inizio del conflitto, la popolazione ucraina non vuole più lasciare il suo Paese che resiste. All’inizio del conflitto, invece, per venire incontro alle migliaia di profughi, Specchio dei tempi aveva organizzato navette e pullman per trasportare in Italia centinaia di persone in fuga. E, parallelamente, dalla nostra sede di Torino partivano decine di navette, bus e Tir carichi di viveri e medicinali attivando nel Cuneese, oltreché nel capoluogo, centri di raccolta dove cittadini e imprese possono continuare a donare generi di prima necessità.

Collaborando con il Consolato ucraino a Torino, al culmine degli arrivi, abbiamo consegnato” un aiuto economico (500 euro alle prime 1000 famiglie) e avviato il progetto “Forza mamme ucraine” che ha seguito e aiutato circa 200 donne e i loro 400 bambini. Quando il vento della guerra è cambiato, ci siamo dati da fare per attivare pullman navetta da Roma e Torino verso Leopoli, in collaborazione con l’Ambasciata ucraina nella Capitale, per favorire il rientro dei profughi che lo desideravano e lo desiderano: oltre 1.500 persone.

Tutte queste iniziative vengono realizzate in sinergia con la Regione Piemonte, che ci ha incaricati di coordinare la raccolta fondi e lo sviluppo dei progetti solidali a favore degli sfollati. Infine, ci siamo impegnati a garantire fino a giugno, e sino all’esaurimento delle risorse a disposizione, gli approvvigionamenti alimentari nei tre villaggi profughi in Ucraina.

 

10 Marzo 2023
L'ambasciatore di Kiev ringrazia la Regione e Specchio per la solidarietà
Cla. Lui. La Stampa, 10/03/23 Il momento più emozionante - e fuori programma - della visita dell'ambasciatore dell'Ucraina in Italia,…
Leggi l'articolo
Mostra di più Chiudi
La tua donazione
Per la gente dell'Ucraina
50 €
100 €
200 €
Chi sei
Privato
Azienda
Ente
Dati anagrafici
Se inserisci i tuoi dati, la tua donazione sarà fiscalmente rilevante
Inserisci una mail valida, ti invieremo lì la ricevuta.
La tua dedica
Abbiamo una tradizione: pubblichiamo le donazioni che riceviamo e le dediche dei nostri donatori.
Le trovi tutte nella sezione Le vostre offerte. Come vuoi vedere la tua?
Attenzione: rileggi bene la tua dedica! Non sarà possibile modificarla.
Modalità di pagamento
PayPal  
Carta di creditoCarta di credito
SatispaySatispay
Pagamenti sicuri con paypal e nexi

Photo gallery

News correlate

13/08/2023
Addio a Massimo, con il pulmino di Specchio portò in salvo donne e bambini ucraini
Leggi l'articolo
10/03/2023
L'ambasciatore di Kiev ringrazia la Regione e Specchio per la solidarietà
Leggi l'articolo
28/02/2023
Emergenza Ucraina: testimonianze e racconti ad un anno dal conflitto
Leggi l'articolo
27/02/2023
Quei 525 cuneesi e le loro donazioni per aiutare l'Ucraina
Leggi l'articolo

Altri progetti dell'area "Calamità"

Aiutaci ad aiutare

Calamità
Emilia Romagna
Per l'Emilia Romagna
La solidarietà di Specchio per gli alluvionati
Dona oradona-ora
Calamità
Turchia e Siria
Terremoto Turchia
Un anno dal terremoto in Turchia
Dona oradona-ora
Calamità
Sri Lanka
Per i bimbi di Negombo
Vicini alle vittime degli attentati di Pasqua 2019
Dona oradona-ora