Specchio dei tempi Un furgone Talento per aiutare la Faro Onlus
4 Dicembre 2020

Un furgone Talento per aiutare la Faro Onlus

Alessandro Mondo
La Stampa, 4/12/2020

La solidarietà ha bisogno di concretezza per operare e raggiungere chi ha necessità, in tempi rapidi e certi. A maggior ragione in un periodo dove tutto è reso più difficile dalla emergenza di una pandemia che pervade ogni aspetto della quotidianità. Fortunatamente ci sono realtà che non si fermano e proseguono la loro opera meritoria, a vari livelli. La generosità di tanti donatori, grandi e piccoli, fa il resto. Anzi: fa la differenza.

La donazione 
Grazie alla sensibilità dello Studio Torta di Torino e alla Fondazione Specchio dei tempi, attiva su una molteplicità di fronti, oggi la Fondazione Faro Onlus ha ricevuto un mezzo Fiat Talento in donazione. La cerimonia di consegna si è svolta presso la redazione de La Stampa: presenti Massimo Giannini, il direttore; Lodovico Passerin d’Entreves, presidente Fondazione Specchio dei Tempi; Luigi Boggio e Mauro Eccetto, Studio Torta, lo studio dei donatori che si occupa di brevetti e proprietà industriale; Paolo Ravizza, segretario generale Fondazione Faro, con  il presidente della Fondazione Faro Giuseppe Cravetto.

Il Mercatino 
«Utilizzeremo il mezzo da subito per le consegne dei prodotti del Mercatino di Natale della Fondazione, che per la prima volta è online a causa della pandemia – spiega Ravizza -. Poi verrà impiegato per le consegne dei presidi e degli ausili sanitari necessari in corso di assistenza domiciliare in cure palliative specialistiche.

«Non ultimo – conclude Ravizza – con la prossima apertura del neo hospice di Carignano avremo necessità di un mezzo per il trasporto di attrezzature sanitarie e non tra gli hospice di Torino, presso il San Vito), e quello presto operativo proprio a Carignano. E’ uno splendido ed utile dono per la Fondazione, che giunge non casualmente in prossimità del Santo Natale».

Aiutaci ad aiutare

Torino e Piemonte
Fondo di Solidarietà
Ogni giorno siamo accanto ai più fragili