Specchio dei tempi Il falegname di Caraglio premiato da Specchio: "Questo aiuto dà...
22 Giugno 2020

Il falegname di Caraglio premiato da Specchio: "Questo aiuto dà energia a tutta la famiglia"

Di Barbara Morra
Pubblicato su La Stampa il 21 giugno 2020

“Questo aiuto è una mano dal cielo”. Sorride Luca Vercellone e sua moglie dice che da diversi mesi “questo sorriso non era così marcato”. La gratitudine ha il senso di qualcosa che riparte, che ricomincia a girare, un’iniezione di fiducia. Non è che non ci sperasse nel contributo di Specchio dei tempi questo falegname di Caraglio, 46 anni e una gavetta che inizia appena finite le scuole medie. Solo, come tanta gente della provincia di Cuneo, è abituato a fare affidamento prima di tutto sulle proprie forze. “Lo stop è stato duro – racconta – abito a Cuneo e ho il laboratorio a Bene Vagienna. Non potevo nemmeno fare i preventivi perché avevo tutti cataloghi in ufficio. E poi le spese fisse da pagare, le fatture che comunque hanno continuato ad arrivare. I materiali di solito li pago a 30 o 60 giorni ma nel frattempo eseguendo i lavori si riesce ad essere in attivo. Con la chiusura no: erano rimaste solo più le spese”. Come molti Luca ha riscoperto la bellezza di stare con i propri figli: “Ne abbiamo due. Mia moglie ha dovuto rientrare subito al lavoro e io ho fatto il papà, ho scoperto una nuova dimensione anche aiutandoli con la scuola a casa. Ma il lavoro mancava”. Una sottile ansia che resta lì, in agguato e la domanda su che cosa succederà dopo. “Ora il lavoro è ripartito – constata -, c’è molto da fare, un po’ perché la gente ha voglia di cose nuove un po’ perché c’è tutto l’arretrato da smaltire. Mi auguro che sia una ripartenza vera”.

Luca, che oggi ha 46 anni e un’attività in proprio, ha cominciato a fare il “bocia” da ragazzino: “Ho imparato il mestiere e lavorato per tre anni da un mobiliere, poi lui aveva un altro ragazzo di bottega che tornava da fare il militare e non mi ha più potuto tenere. Così ho trovato lavoro come serramentista lavorando in una ditta per 15 anni”. Nel 2006 il salto, la scelta di lavorare in proprio con tutte le soddisfazioni e le incognite che questo comporta:” Ho rimesso a posto una cascina a Vallera di Caraglio che apparteneva ai miei nonni con portici e fienile dove ho realizzato, dopo varie peripezie il laboratorio. Ora faccio l’artigiano puro realizzando mobili, arredamenti, armadi a muro, scale, cucine. In questo periodo sto costruendo una camera da letto a Chiappera, tutta il larice spazzolato. Opere che mi danno grande soddisfazione”.  La moglie lo guarda e sorride: “Sapere di essere stati scelti e di aver conquistato il contributo è un’iniezione di energia per tutta la famiglia. Ancora grazie alla Fondazione Specchio dei tempi che riesce concretamente ad essere vicino alla gente con tante utili iniziative“.

LA STORIA DELLA SARTA DI CUNEO

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

DONA ORA

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario