Specchio dei tempi Il meccanico di Aurora salvato dal bando di Specchio: “La...
18 Giugno 2020

Il meccanico di Aurora salvato dal bando di Specchio: “La bici è il futuro, ora posso rinascere”

Di Beppe Minello
Pubblicato su La Stampa il 15 maggio 2020

Lorenzo Biscardi, 31 anni, nonostante tutto è un ragazzo fortunato. Ama il suo lavoro e l’aiuto di Specchio dei tempi, oltre a guarire le “ferite” inferte dal lockdown alla sua attività di meccanico, forse gli permetterà di migliorare l’attività che da 8 anni svolge nella sua boita “Scattofisso – ciclofficina” di via Caprera 15. “Sono sopravvissuto, nel mio piccolo, per 8 anni – dice – anche grazie al fatto che ho i miei genitori alle spalle”. Ma due mesi di chiusura hanno davvero rischiato di infrangere il sogno coltivato fin da bambino.

“Da ragazzino mio padre, ciclista appassionato, mi portava con lui nei suoi giri: per la fatica che facevo ne ho un ricordo terrificante”. Un sacrificio che però gli ha permesso di appassionarsi alla meccanica delle due ruote.  Tanto da spingerlo, durante i poco amati studi universitari di Economia, a frequentare uno stage in un’officina per biciclette. Un amore e una passione evidentemente notata dal titolare che volle ricompensarlo assegnandogli un viaggio premio a Santo Domingo regalato da un costruttore di biciclette.  In quei dieci giorni, Lorenzo conosce il titolare di un importante negozio di bici di Salò che gli propose di andare a lavorare da lui. “E’ stata un’esperienza importante e formativa – racconta Lorenzo – e sono venuto a contatto anche con il mondo delle corse. Ma ero lontano da casa, lavoravo solo e, soprattutto, mi mancava la manualità del meccanico. Dopo un anno me ne sono andato”. Ma per aprire una sua officina con l’aiuto del progetto “Mettersi in proprio” della Regione Piemonte. “Il nome viene dalla passione dell’epoca per le bici a scattofisso”. Lorenzo ama così tanto riparare le bici, restaurarle, da non essersi mai dedicato in modo importante al commercio: “Vendevo poche bici – spiega – e solo sui cataloghi.  Ora c’è un nuovo slancio, una buona ripartenza. Conto di comprare qualche bici da mettere in vetrina. La bicicletta  sta diventando uno strumento fondamentale di una mobilità migliore. Specchio mi sta aiutando a non perdere questa occasione”.

LEGGI LA STORIA DEL CIABATTINO

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

DONA ORA

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario