Specchio dei tempi L’educatrice del nido che non sa quando riaprirà: “Grazie Specchio,...
18 Giugno 2020

L’educatrice del nido che non sa quando riaprirà: “Grazie Specchio, il sussidio è ossigeno”

Di Beppe Minello
Pubblicato su La Stampa il 15 giugno 2020

Grazie Specchio! Ci avete dato ossigeno in un momento difficile e pieno d’incognite. Non so ancora quando potrò riaprire l’attività e con l’estate mio marito, precario della scuola primaria, non avrà stipendio. Ora possiamo guardare con un minimo di serenità ai prossimi mesi”.  La voce di Maristella Moffa è squillante, certamente per i suoi 34 anni, ma soprattutto perché è felice. All’orizzonte, dall’ormai lontano 24 febbraio, intravvede la concreta possibilità di riaprire il suo “nido in famiglia” che in dieci anni ha visto passare oltre 50 bambini dagli zero ai 3 anni, nell’alloggio-nido  “che – dice – comporta un affitto importante”. Alloggio ancora sbarrato per i bambini che abitualmente ospita ma che non sono stati abbandonati un giorno in questi mesi di stop.

Maristella, educatrice della prima infanzia e lei stessa mamma di due bambini di 6 e 3 anni e mezzo, ha infatti creato una didattica a distanza per i suoi piccoli allievi con video, letture di fiabe, videochiamate, che le hanno permesso – gratuitamente,  di mantenere un legame. Ora Maristella si sta organizzando per riaprire: “Oltre ad attrezzarmi con mascherine e visiere, immagino che dovrò anche cambiare l’accoglienza e l’uscita – riflette – perché tutto dovrà avvenire sul pianerottolo di casa: i nidi come il mio, proprio per la loro particolarità, forniscono un servizio tagliato sul bambino che ci viene affidato”.

LEGGI LA STORIA DEL CIABATTINO

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

DONA ORA

65
progetti attivi
33mila
persone aiutate
16.191
donazioni Covid
10.517.323 €
fondi raccolti

Aiutaci ad aiutare

Il tuo aiuto è importante
Dal 1955 doniamo speranza a chi soffre con progetti immediati e concreti a Torino, in Italia e nel mondo: quando c'è una emergenza noi ci siamo sempre.
Dona con bonifico bancario