Colazioni dei poveri, riapre anche il refettorio ma con il distanziamento

Di Angelo Conti

Le colazioni dei poveri di Specchio dei tempi non si sono mai del tutto fermate durante i 100 giorni del Covid. Ma tutto si è mosso a rilento, con un’attività pesantemente condizionata dalla normativa anti contagio. In pratica ci si è a lungo limitati alla distribuzione di borse con generi di prima necessità, con un’apertura solo parziale. Ma da lunedì, Casa Santa Luisa di via Nizza 24 riapre anche il refettorio. Con il distanziamento, certo. Con solo 20 posti anzichè 60. Ma anche qui si va verso la normalità. Stamattina, con suor Cristina, abbiamo fatto un sopralluogo.

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

DONA ORA

Coronavirus, ripartite oggi le "Colazioni dei poveri"

Di Angelo Conti

La assistenza alle famiglie in difficoltà anche nelle scorse settimane non è mai mancata, ma l’allentamento dei divieti ci consente finalmente di riprendere quasi in pieno anche il servizio giornaliero delle Colazioni dei Poveri servite da Casa Santa Luisa di via Nizza 24. Con le suore vincenziane, anche grazie ad alcuni interventi strutturali finanziati da Specchio dei tempi, da oggi i poveri della città possono di nuovo usufruire di una abbondante colazione, per ora servita al vassoio, quindi da asporto, ma che presto tornerà ad essere consumata ai tavoli del refettorio. Un altro passo avanti verso la normalità, in assoluta sicurezza.

 

La Juve dona gli alimenti inutilizzati a Specchio

Di Angelo Conti

L’annullamento della partita di ieri sera allo Juventus Stadium a causa del Coronavirus ha costretto la Juventus FC a trovare una soluzione per le derrate alimentari, ormai già pronte e consegnate. La società bianconera ci ha interpellati per donare parte di queste derrate alle Colazioni dei poveri di Specchio dei tempi. Questa mattina all’alba abbiamo così ritirato decine di chili di alimenti e li abbiamo trasferiti in via Nizza 24, dove sono già a disposizione degli homeless torinesi.

Grazie Juventus.

DONA ORA

Scopri anche l’impegno di Barbara Bonansea, la centravanti della Juventus Woman per la ricostruzione del Day Hospital del Sant’Anna!

Le colazioni di Specchio per i senzatetto continuano nonostante il Coronavirus

Di Angelo Conti

L’ordinanza Coronavirus vieta aggregazioni, quindi anche le Colazioni dei Poveri di Specchio dei tempi. Ma con il team vincenziano e con la mitica suor Cristina abbiamo trovato una soluzione: un carrello sotto il portone serve colazioni volanti ai senzatetto che comunque ci vengono a trovare in via Nizza 22. Un the caldo ed una brioche possono aiutare a vivere, soprattutto in mattine gelide come quella di oggi.

 

Buon anno agli ultimi, in una mattinata glaciale

di Angelo Conti

Questa mattina alle 7, Specchio dei tempi ha cominciato la sua ultima giornata di attività del 2019 andando a fare gli auguri agli ultimi. Cioè agli ospiti delle “Colazioni dei poveri” di via Nizza 24 che Specchio finanza completamente da anni. Negli ultimi 12 mesi ne sono state servite oltre 45.000. E’ stata anche l’occasione per salutare suor Cristina, la regista di tutto, ed anche la saluzzese suor Anna che, ad 87 anni, è la prima a svegliarsi, ben prima delle 5 di ogni mattina, per iniziare a preparare le colazioni. Non è mancato un abbraccio grande ai volontari vincenziani, al lavoro qui. Decine e decine gli homeless che hanno potuto fruire delle nostre colazioni, in questa mattinata davvero glaciale.


 

Ripartono le colazioni dei poveri con i servizi nuovi donati da Specchio

Di Angelo Conti

Terminati i lavori per dotare la mensa di Casa Santa Luisa di due nuovi servizi igienici (donati da Specchio dei tempi), sono riprese stamattina alle 7 le tradizionali colazioni dei poveri in via Nizza 24, con le suore ed i volontari vincenzisni. Ogni anno sono quasi 50.000 le colazioni (e la successiva assistenza) offerte da Specchio dei tempi e distribuite ai senza tetto torinesi.

[wds id=”96″]

VAI ALLA CAMPAGNA DONA ORA

Nuovi bagni e servizi per i senzatetto di Casa Santa Luisa

Articolo di Angelo Conti

Più di quarantamila colazioni vengono distribuite, ogni anno, da Casa Santa Luisa (via Nizza 24) ai poveri ed ai senzatetto torinesi. L’intera operazione, con la logistica dei volontari e dalle suore vincenziane, è sostenuta economicamente da Specchio dei tempi. La nostra fondazione aggiunge, a quello che è l’acquisto dei beni di prima necessità, anche un supporto nella fornitura di medicinali e vestiti. Approfittando dell’estate Specchio dei tempi sta realizzando, nel cortile interno di Casa Santa Luisa (che è quello dove i senza dimora attendono il loro turno per le colazioni), due nuovi servizi igienici. Infatti la struttura ne dispone adesso di uno solo, per giunta scarsamente utilizzabile perchè al centro dell’area servizi. I lavori saranno ultimati entro la fine di agosto.
Specchio dai tempi sostiene economicamente le colazioni dei poveri da 5 anni: le colazioni “offerte” ai più poveri dai lettori de La Stampa sono state, sino ad ora, oltre 200.000.

Il bike sharing di Suor Cristina

di Angelo Conti

L’ultima iniziativa dell’anno di Specchio dei tempi, maturata stamattina durante le colazioni dei poveri, è il bike sharing per i senza dimora. Ha cominciato ad attuarlo suor Cristina, nella Casa Santa Luisa di via Nizza 24, ma ha a disposizione una sola bicicletta. Ne occorrerebbero quattro o cinque per far fronte alle richieste di questi poveri, che spesso non hanno nemmeno il denaro per un tram. Così Specchio dei tempi, che offre da subito un sostegno economico per riparare le biciclette e metterle a norma, allarga la “voce” ai suoi tanti amici. Qualcuno ha una bicicletta in buono stato che non usa? Suor Cristina è pronta a ridarle vita per aiutare gli ultimi.

⇒ Ogni mattina le Colazioni dei Poveri: il nostro progetto con Suor Cristina

[La Stampa] Specchio e Casa Santa Luisa insieme per aiutare chi vive in strada

 

Articolo di Angelo Conti pubblicato su La Stampa il 21/11/18

L’allarme freddo è scattato lunedì mattina. Lo ha dato suor Cristina di Casa Santa Luisa. Qui in via Nizza 24, circa 150 poveri o senza dimora ricevono, ogni giorno, una abbondante colazione e soprattutto assistenza. Possono fare la doccia, consultare un medico, ottenere i capi di abbigliamento più adatti a vivere per strada. Tutti questi interventi sono sostenuti economicamente dalla Fondazione La Stampa-Specchio dei tempi. Di fronte alla prima ondata di freddo della stagione, suor Cristina ha dato l’allarme: “ Il freddo è arrivato all’improvviso, mettendo in difficoltà tanti amici. Servono cuffie, guanti, sciarpe, berretti, sciarpe, sacchi a pelo, plaid, biancheria intima, fazzoletti di carta”.

[wds id=”3″]
 

Sono stati tanti i cittadini che hanno risposto all’appello, ma si è ovviamente subito mosso anche Specchio dei tempi che, nel giro di due ore, aveva già messo a disposizione i mezzi per un adeguato approvvigionamento dei capi di abbigliamento necessari. L’emergenza è stata, al momento, tamponata, ma suor Cristina sarà ovviamente felice di ricevere donazioni di quanto manca anche da parte di privati cittadini.  Specchio dei tempi manterrà comunque alta l’attenzione sui problemi dei più diseredati della città, pronto ad intervenire anche nelle prossime settimane, qualora sorgessero altre situazioni di criticità, soprattutto in relazione a particolari avversità meteorologiche. Tutti possono contribuire attraverso i tradizionali canali (Specchio point di via Santa Maria 6, Reale Mutua Castello di piazza Castello 111, Sportelli La Stampa di via Lugaro 21) e anche qui attraverso il sito, sul quale sono disponibili tutte le informazioni necessarie oltre ad un aggiornamento quotidiano sulle molteplici attività della fondazione.


(Non solo colazioni, ecco alcuni dei progetti sostenuti da Specchio dei tempi nella città di Torino)

VAI ALLA CAMPAGNA DONA ORA
 

Specchio contro il freddo torinese insieme a Casa Santa Luisa di via Nizza

Di Angelo Conti

Specchio dei tempi è intervenuto questa mattina presto per dotare Casa Santa Luisa di via Nizza 24 di sciarpe, guanti, berretti ed altri indumenti da distribuire ai poveri ed ai senza tetto torinesi. La richiesta ci era pervenuta ieri sera da suor Cristina Conti. Ogni mattina Specchio dei tempi finanzia anche la distribuzione delle colazioni dei poveri, sempre in via Nizza 24: ogni anno quasi 50.000. Con le suore vincenziane per aiutare i più deboli. Senza perdere tempo.

VAI ALLA CAMPAGNA DONA ORA

Colazioni speciali per aiutare i poveri nella città deserta

di Angelo Conti

Ferragosto, città vuota e problemi anche per gli homeless. Così stamattina, proprio in questi momenti, presso Casa Santa Luisa di via Nizza 24 sono in corso distribuzioni “colazioni dei poveri un po’ speciali” arricchite da bevande da asporto, succhi di frutta, marmellate…. Per durare tutta la giornata in una città vuota.

Le colazioni dei poveri sono una iniziativa delle suore vincenziane sostenuta economicamente della Fondazione Specchio dei tempi. Ogni anno ne distribuiamo circa 40.000.
Aiutateci ad aiutare, noi non ci fermiamo mai.

 Nell’ultima parte del video, suor Cristina vi racconta il progetto.

[LaStampa] Dai corsi di smartphone alle colazioni dei poveri: l’impegno di Specchio a Torino

L’ultima sfida di Specchio dei tempi a Torino sono i corsi di smartphone per gli over60, per battere l’esclusione digitale: quella sensazione di essere tagliati fuori dal mondo perché non si conoscono le nuove tecnologie. La fondazione aveva lanciato l’iniziativa con un progetto sperimentale da 20 posti, in poche ore sono arrivate 500 richieste, il segno di un bisogno sociale fortissimo. Tutti sono stati accolti. E tutti vengono accolti ogni pomeriggio al doposcuola del Moi, la nuova casa di Specchio all’ex Villaggio Olimpico: un posto dove i compiti e i giochi servono per fare integrazione e dare a tutti l’opportunità di diventare dei buoni cittadini. A Casa Santa Luisa, invece, la speranza passa da una tazza di caffè. È il miracolo delle “Colazioni dei poveri”: ogni mattina alle 7,15 le suore e i volontari della famiglia vincenziana offrono a un centinaio di bisognosi quello che per molti sarà l’unico pasto della giornata. Ogni anno si sfiorano le 40 mila colazioni (tutte finanziate dai lettori de La Stampa) e ogni giorno suor Cristina coltiva lo stesso sogno: «Aprire il portone di via Nizza 24 e non trovare più nessuno ad aspettare».

-> Clicca qui per vedere su La Stampa il video di Angelo Conti, Lucia Caretti, Punto Rec e Daniele Solavaggione.

Questo servizio è stato realizzato in occasione dello “Specchio Day” del 23 maggio, a Torino. Qui il racconto della serata.