Colazioni dei poveri, riapre anche il refettorio ma con il distanziamento

Di Angelo Conti

Le colazioni dei poveri di Specchio dei tempi non si sono mai del tutto fermate durante i 100 giorni del Covid. Ma tutto si è mosso a rilento, con un’attività pesantemente condizionata dalla normativa anti contagio. In pratica ci si è a lungo limitati alla distribuzione di borse con generi di prima necessità, con un’apertura solo parziale. Ma da lunedì, Casa Santa Luisa di via Nizza 24 riapre anche il refettorio. Con il distanziamento, certo. Con solo 20 posti anzichè 60. Ma anche qui si va verso la normalità. Stamattina, con suor Cristina, abbiamo fatto un sopralluogo.

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

DONA ORA

Coronavirus, ripartite oggi le "Colazioni dei poveri"

Di Angelo Conti

La assistenza alle famiglie in difficoltà anche nelle scorse settimane non è mai mancata, ma l’allentamento dei divieti ci consente finalmente di riprendere quasi in pieno anche il servizio giornaliero delle Colazioni dei Poveri servite da Casa Santa Luisa di via Nizza 24. Con le suore vincenziane, anche grazie ad alcuni interventi strutturali finanziati da Specchio dei tempi, da oggi i poveri della città possono di nuovo usufruire di una abbondante colazione, per ora servita al vassoio, quindi da asporto, ma che presto tornerà ad essere consumata ai tavoli del refettorio. Un altro passo avanti verso la normalità, in assoluta sicurezza.

 

Buon anno agli ultimi, in una mattinata glaciale

di Angelo Conti

Questa mattina alle 7, Specchio dei tempi ha cominciato la sua ultima giornata di attività del 2019 andando a fare gli auguri agli ultimi. Cioè agli ospiti delle “Colazioni dei poveri” di via Nizza 24 che Specchio finanza completamente da anni. Negli ultimi 12 mesi ne sono state servite oltre 45.000. E’ stata anche l’occasione per salutare suor Cristina, la regista di tutto, ed anche la saluzzese suor Anna che, ad 87 anni, è la prima a svegliarsi, ben prima delle 5 di ogni mattina, per iniziare a preparare le colazioni. Non è mancato un abbraccio grande ai volontari vincenziani, al lavoro qui. Decine e decine gli homeless che hanno potuto fruire delle nostre colazioni, in questa mattinata davvero glaciale.


 

Colazioni speciali per aiutare i poveri nella città deserta

di Angelo Conti

Ferragosto, città vuota e problemi anche per gli homeless. Così stamattina, proprio in questi momenti, presso Casa Santa Luisa di via Nizza 24 sono in corso distribuzioni “colazioni dei poveri un po’ speciali” arricchite da bevande da asporto, succhi di frutta, marmellate…. Per durare tutta la giornata in una città vuota.

Le colazioni dei poveri sono una iniziativa delle suore vincenziane sostenuta economicamente della Fondazione Specchio dei tempi. Ogni anno ne distribuiamo circa 40.000.
Aiutateci ad aiutare, noi non ci fermiamo mai.

 Nell’ultima parte del video, suor Cristina vi racconta il progetto.

[LA STAMPA] LE COLAZIONI DEI POVERI ARRIVANO A PINEROLO

di Angelo Conti
[pubblicato su “La Stampa” del 19/12, edizione Provincia e Canavese]

Da ieri il progetto “Colazioni dei poveri” di Specchio dei tempi, da molti anni attivo a Torino presso Casa Santa Luisa di Via Nizza 24, viene replicato anche a Pinerolo, dopo una intesa con Rotary Club e il Comune. La Fondazione Specchio dei tempi provvederà a coprire i costi vivi per l’approvvigionamento delle derrate ed ha contribuito alla ristrutturazione dei locali comunali di via Lequio 36. Le “Colazioni dei poveri”, che a Pinerolo vengono distribuite sotto la sigla “Buon mattino”, fanno parte di un più articolato programma di assistenza agli homeless della zona di Pinerolo. L’avvocato Alessandro Lazzari del Rotary Club, che è stato il prezioso tramite fra Specchio dei tempi e Comune di Pinerolo, ha sottolineato l’importanza di questa collaborazione: “Chi vive fuori di casa, chi non ha un tetto, chi deve magari vivere al freddo potrà trovare, già al mattino presto, un luogo dove riscaldarsi e dove trovare una colazione con bevande calde e altri generi di prima necessità. Il contributo di Specchio dei tempi è stato fondamentale per realizzare rapidamente questo progetto”. Presenti alla inaugurazione del servizio il vescovo Debernardi, il sindaco Salvai, il presidente del Rotary Martin, assessori, volontari, utenti del servizio ed anche i ragazzi del liceo artistico di Pinerolo che hanno collaborato all’iniziativa vendendo alcune delle loro opere.


⇒ LE TREDICESIME PER GLI ANZIANI POVERI E SOLI: DONA ORA 

Il presidente di Specchio dei tempi, Lodovico Passerin d’Entreves, si è detto orgoglioso della partecipazione della fondazione a questo progetto: “A Torino ogni anno distribuiamo circa 50.000 colazioni, grazie alla collaborazione con le suore vincenziane. Un numero di assistiti in costante crescita, di pari passo coi bisogni delle famiglie. E’ la dimostrazione di una esigenza reale. Siamo così lieti di essere presenti, con questo servizio, anche a Pinerolo, un’area geografica a cui Specchio è tradizionalmente molto attento”.