Novara e Verbania, Specchio distribuisce 200 pacchi alimentari

Di Angelo Conti
Pubblicato su La Stampa il 24 giugno 2020

Al via la distribuzione di 100 pacchi alimentari nel Novarese e altrettanti nel Vco su iniziativa di Specchio dei tempi. La fondazione de La Stampa si è occupata di acquistare i pacchi da 23 chili, ciascuno per un valore di 60 euro, attraverso un finanziamento del gruppo Cassa di risparmio di Asti (Biver banca e Banca di Asti).
Le prime forniture sono arrivate ieri. Nel Novarese verranno distribuite dall’Auser: 15 sono destinate a famiglie in difficoltà economica che risiedono in città, altre 35 nei comuni dell’Ovest Ticino e 50 in quelli sul Lago Maggiore con la collaborazione dei volontari di Arona. Nel capoluogo i pacchi sono stati depositati alla sede in corso XXIII marzo.

«È un valido aiuto per le persone che hanno sofferto di più l’emergenza Covid-19 – spiega Guido Peagno, presidente provinciale dell’Auser -. Si è cercato di dare priorità a coloro che non usufruiscono già di altre forme di sostegno». Il trasporto nel Vco è a cura dell’Emporio dei legami. Grazie a questo impegno di Specchio dei tempi, verranno distribuiti in tutto 17 mila pacchi in 19 città di sei regioni. A Novara è attesa un’ulteriore fornitura la prossima settimana. Chi si occuperà della consegna è sempre l’Auser, che ha riavviato le attività dopo il lockdown. «Per ora – spiega il presidente della sede novarese Massimo Manica – le richieste di trasporto degli anziani nelle strutture ospedaliere sono ancora poche. Del resto esami e visite sono al momento ridotti»

COME SOSTENERE I PROGETTI DI SPECCHIO CONTRO IL VIRUS
Dal 9 marzo Specchio ha raccolto oltre 10 milioni di euro, con quasi 16 mila donazioni da tutto il mondo. Risorse che ogni giorno si trasformano in aiuti concreti e immediati: 1,1 milioni di dispositivi di protezione per gli operatori sanitari; 146 macchinari e attrezzature mediche donati agli ospedali piemontesi; tablet, kit igienizzanti e piattaforme di didattica online per le scuole; centinaia di sussidi alle piccole imprese torinesi e cuneesi. E migliaia di spese per gli anziani e le famiglie difficoltà, distribuite prima a Torino e ora in tutta Italia. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” nella lotta contro il Covid-19, può farlo con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.
▪️ 
Con carta di credito o prepagata qui sul nostro sito
▪️ Con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo
▪️ Con un bonifico sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi
▪️ Con Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus)
▪️ Sulla piattaforma “ Rete del dono

DONA ORA

Specchio aiuta le famiglie di Novara e Verbania: 300 spese donate grazie al Gruppo Cassa di Asti

Di Angelo Conti e Lucia Caretti
Pubblicato su La Stampa il 17 maggio 2020

Trecento borse della spesa saranno presto in distribuzione, a Novara e Verbania, destinate a chi è più in difficoltà. E’ un dono del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti e di Specchio dei tempi che hanno avviato un progetto di sostegno concreto. Dalla prossima settimana cominceremo a raggiungere, con consegne effettuate direttamente sullo zerbino di  casa (così da evitare ogni rischio di contagio), le prime decine di beneficiati. Famiglie, ma anche anziani, toccati duramente dalla pandemia. L’iniziativa del Gruppo Cassa di Risparmio di Asti (Banca di Asti e Biver Banca), gestita nel progetto “Specchio d’Italia” della Fondazione La Stampa Specchio dei tempi, interessa, oltre a Novara e Verbania, tutti i capoluoghi delle province piemontesi, cinque comuni lombardi fra cui Milano, due comuni veneti ed uno ligure, Genova.

Intanto Specchio dei tempi continua le sue attività sul territorio. Per fronteggiare l’Emergenza Covid la onlus ha donato un ecografo alla Cardiologia 1 dell’ospedale Maggiore di Novara. E un secondo ecografo alla Terapia Intensiva Coronarica di Borgomanero, per una spesa complessiva di 111 mila euro. Grazie alla generosità dei lettori de La Stampa sono state anche fornite mascherine, guanti, visiere, tute e camici al Gruppo Volontari Ambulanza del Vergante – Nebbiuno, Pubblica Assistenza Sre di Grignasco, alla Croce Verde Gravellona Toce e al Corpo Volontari del Soccorso di Ornavasso. In totale, sono stati finora acquistati e consegnati 1,2 milioni di dispositivi di protezione individuale, e 150 macchinari per gli ospedali piemontesi.

Per rinforzare il sistema sanitario la fondazione ha noleggiato un aereo e portato 38 medici ed infermieri specializzati da Cuba a Torino. Ma l’impegno di Specchio è fatto anche di piccoli gesti, come quelli per i bambini di periferia. La fondazione sta donando quaderni e kit di sanificazione per le scuole più disagiate; per sostenere la didattica a distanza ha già fornito 1000 tablet con sim e connessione agli alunni più svantaggiati, oltre a migliaia di ore di ripetizioni online e ad una piattaforma per l’insegnamento. Cose concrete, interventi immediati, dal fronte sanitario a quello sociale.

COME AIUTARE SPECCHIO E DONARE UNA SPESA
In due mesi di lavoro senza sosta, lo staff di Specchio ha distribuito 1 milione di dispositivi di protezione individuali ai sanitari che lottano contro il Coronavirus: mascherine, camici, cuffie, guanti, calzari, occhiali. Le forniture sono arrivate in 125 strutture, tra ospedali, pubbliche assistenze, case di riposo, associazioni di volontariato, medici di famiglia, vigili del fuoco volontari. Specchio ha inoltre donato 150, fra macchinari, apparecchiature, letti ed arredi, alle rianimazioni ed ai pronto soccorso di 19 ospedali in tutta la Regione. Chi vuole sostenere la fondazione de “La Stampa” può farlo con donazioni online, quindi in totale sicurezza, con  causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112.  Le donazioni sono possibili con carta di credito qui, con un  bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo oppure sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi. E’ anche possibile usare  Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus). E’ infine possibile donare anche sulla piattaforma “ Rete del dono”.  Qui sul sito (e sulle pagine Facebook, Instagram e Twitter) vengono più volte al giorno pubblicati aggiornamenti sull’andamento della sottoscrizione e sulle attività della fondazione a contrasto del Covid-19.

Novara, Specchio dona un ecografo all'ospedale Maggiore

Di Lucia Caretti

Un ecografo alla Cardiologia 1 dell’ospedale Maggiore di Novara. La Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi continua ad essere vicina ai novaresi: dopo la donazione di un ecografo cardiopolmonare alla Terapia Intensiva Coronarica di Borgomanero, stamattina un secondo macchinario è stato consegnato al reparto guidato dal professor Giuseppe Patti. Sarà utilizzato per i malati Covid. E’ costato 53.680 euro, ed è stato acquistato grazie alla generosità dei lettori del nostro giornale. Sono ormai quasi 12 mila le donazioni raccolte dalla onlus, per un totale di oltre 8,3 milioni di euro. Fondi che giorno dopo giorno continuano a trasformarsi in aiuti immediati per i sanitari piemontesi impegnati a combattere il Coronavirus.

In un mese di lavoro senza sosta, lo staff di Specchio ha distribuito oltre mezzo milione di dispositivi di protezione individuali: mascherine, camici, cuffie, guanti, calzari, occhiali. Le forniture sono arrivate in 60 strutture, tra ospedali, pubbliche assistenze, case di riposo, associazioni di volontariato, medici di famiglia, vigili del fuoco volontari. Specchio ha inoltre donato 146, fra strumenti, apparecchiature, letti ed arredi, alle rianimazioni ed ai pronto soccorso di 16 ospedali in tutta la Regione. Tra questi, una tac mobile per l’Amedeo di Savoia e una seconda tac che da domani sarà operativa al Martini di Torino. All’Asl Città di Torino è stato infine prestato lo Specchiobus, il Ducato Maxi della fondazione, attrezzato per l’emergenza e dotato di due ambulatori: viene ora impiegato per effettuare i tamponi. Accanto all’aiuto per medici e infermieri, c’è un ampio programma di sostegno alle fasce più deboli della popolazione. La fondazione sta infatti portando gratuitamente a casa degli anziani soli o indigenti circa 4400 borse spesa. E ha fornito materiali di sanificazione a circa 150 scuole di Torino.

COME DONARE
Chi vuole essere con Specchio dei tempi potrà farlo con donazioni online, quindi in totale sicurezza, con causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112Le donazioni sono possibili con carta di credito qui, con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo oppure sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi. E’ anche possibile usare Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus). E’ infine possibile donare anche sulla piattaforma “Rete del dono”. Qui sul sito (e sulle pagine Facebook, Instagram e Twitter) vengono più volte al giorno pubblicati aggiornamenti sull’andamento della sottoscrizione e sulle attività della fondazione a contrasto del Covid-19.
DONAZIONE OSPEDALE DI NOVARA

Specchio arriva a Novara: donato un ecografo all'ospedale di Borgomanero

di Lucia Caretti

La Fondazione La Stampa – Specchio dei tempi onlus ha donato un ecografo cardiopolmonare alla Terapia Intensiva Coronarica dell’ospedale di Borgomanero. Stamattina è arrivato in reparto ed è già in funzione: un supporto fondamentale per la lotta contro il Covid. Il macchinario, prodotto dalla Philips, è costato 53680 euro ed è stato finanziato grazie alla generosità dei lettori del giornale. Un’ondata di solidarietà che investe ora la provincia di Novara, dopo decine di interventi nel torinese e nel resto del Piemonte. Da due settimane, infatti, la onlus de “La Stampa” sta lavorando senza sosta per gli ospedali travolti dall’emergenza Coronavirus: ha raccolto finora 7,4 milioni di euro con 8835 donazioni da oltre 53 Paesi del mondo. 

DONA ORA

Ogni giorno le offerte ricevute si trasformano in aiuti immediati. La fondazione ha fornito un gran numero di attrezzature mediche. In particolare, da oggi all’Amedeo di Savoia di Torino c’è una tac mobile che Specchio ha noleggiato per tre mesi, mentre sono già utilizzati negli altri ospedali oltre 15 ecografi polmonari, 12 monitor parametrici, alcuni elettrocardiografi, centraline di infusione per rianimazioni. Un’altra decina di apparecchiature già ordinate verranno consegnate nel corso della settimana. Poi c’è la partita dei “Dpi”, i dispositivi di protezione individuale che continuamente vengono richiesti a Specchio, da tutta la Regione. La onlus ne ha già distribuite diverse decine di migliaia: mascherine, guanti in lattice, occhiali protettivi, calzari, camici. Ogni giorno vengono effettuati nuovi ordini e nuove consegne, anche per forniture come saturimetri, sfigmomanometri, termometri, stetoscopi.

[wds id=”139″]
 

Ieri lo staff di Specchio è stato al Regina Margherita, l’ospedale dei bambini di Torino. Un ospedale che i lettori de “La Stampa” portano nel cuore: negli ultimi anni la fondazione ne ha ristrutturati quattro reparti. Accanto all’aiuto per il personale sanitario, c’è un ampio programma di sostegno alle fasce più deboli della popolazione: Specchio dei tempi sta portando gratuitamente a casa degli anziani soli o indigenti circa 4400 borse spesa. E ha fornito materiali di sanificazione a circa 150 scuole di Torino.

COME DONARE
Chi vuole essere con Specchio dei tempi potrà farlo con donazioni online, quindi in totale sicurezza, con causale «Emergenza Coronavirus», Fondo 112Le donazioni sono possibili con carta di credito qui, con un bonifico sul conto intestato a Specchio dei tempi, via Lugaro 15, 10126 Torino, IBAN: IT67 L0306909 6061 0000 0117 200, Banca Intesasanpaolo oppure sul conto corrente postale 1035683943, intestato a Specchio dei tempi. E’ anche possibile usare l’applicazione Satispay (qui non occorre causale, ogni aiuto è automaticamente destinato alla lotta al virus). E’ infine possibile donare anche sulla piattaforma “Rete del dono”. Qui sul sito (e sulle pagine Facebook, Instagram e Twitter) vengono più volte al giorno pubblicati aggiornamenti sull’andamento della sottoscrizione e sulle attività della fondazione a contrasto del Covid-19.

Specchio a Novara insieme a J-AX per combattere il bullismo

di Angelo Conti

A lezione con un «prof» speciale, un artista che da 25 anni riempie le arene e fa ballare diverse generazioni. Che nel 2017 è diventato papà, ma che nel testo di una sua canzone ricorda anche di avere «due milioni di nipoti» e cioè di fan. J-AX è pronto per incontrare oltre 1.600 studenti delle scuole novaresi al Pala Dal Lago. L’appuntamento di stamattina alle 10,30 è la chiusura del progetto «Bullifuorilegge» ideato da La Stampa con l’Ufficio scolastico regionale, ambito di Novara, e il sostegno di fondazioni novaresi e della fondazione La Stampa – Specchio dei tempi.

⇒ Il video di “Bullifuorilegge”
⇒ L’incontro di “Bullifuorilegge” con Emma Marrone

J-ax a Novara, foto di Angelo Conti

NOVARA, SPECCHIO CONTRO I BULLI INSIEME A EMMA MARRONE

di Angelo Conti

Specchio dei tempi è attivo, con altre realtà novaresi, in un progetto contro bullismo e cyberbullismo che avrà il suo primo momento martedì 21 novembre alle 11 al Teatro Coccia di Novara: qui la cantante Emma Marrone racconterà ai ragazzi delle scuole la sua triste esperienza di bullizzata. I ragazzi di Novara stanno preparando anche una serie di iniziative per tenere desto l’interesse sul problema: l’obiettivo è quello di presentare l’anno prossimo al Senato un fumetto, uno spettacolo teatrale e una mostra fotografica.